Chains fall to gravity – Orphaned Land

Chains fall to gravity (Le catene cadono da sole) è la traccia numero sei del sesto album degli Orphaned Land, Unsung Prophets & Dead Messiahs, pubblicato il 26 gennaio del 2018. Il brano vede la partecipazione di Steve Hackett.

Formazione Orphaned Land (2018)

  • Kobi Farhi – voce
  • Chen Balbus – chitarra
  • Idan Amsalem – chitarra
  • Uri Zelha – basso
  • Matan Shmuely – batteria

Traduzione Chains fall to gravity – Orphaned Land

Testo tradotto di Chains fall to gravity degli Orphaned Land [Century Media]

Chains fall to gravity

Awaken my sanity
Slavery falls to the ground
Chains fall to gravity
Truth can now be found

My freedom yet escapes me
as if I am still in chains
The memory of servitude
it somehow keeps me sane

Shadows, my enemy
Yet beyond them now I see
Fear lingered in me
Kept me from being free

Pierce the veil of solitude
and turn away, I must
Sand in the hour glass
my time is up at last

Go forth and be all you can be
So you can see the path ahead
Let our voice guide you on
I feel only pain
But I know that everything shall pass
The end of the path that forever ignites

White light is blinding me
Robbing me of my sight
Somehow it sets me free
Calling me to unite

A spell upon me cast
Bringing the final light
of a long awaited dusk

Blessed, you are the one
Who opened his eyes to light
Now go in peace
And step out of this maze
I thought that I’m insane
I always knew there has
to be more than this
I am on my way out while
you’re embracing the dark

When a messiah is born
it’s like a late blooming of a flower
rising in the netherworld,
waters of hope,
falling on an orphaned land
No longer the slave
Now I roam onto the unknown
But as sure as my heart beats
I’m not afraid of the light

Le catene cadono da sole

Risveglia la mia sanità mentale
La schiavitù cade a terra
Le catene cadono da sole
La verità ora può essere trovata

La mia libertà mi sfugge ancora
come se fossi ancora in catene
Il ricordo della servitù mi rende
in qualche modo sano di mente

Ombre, il mio nemico
Eppure oltre a loro adesso vedo
La paura ha indugiato in me
Impedendomi di essere libero

Buca il velo della solitudine
e vai via, devo farlo
La sabbia nella clessidra,
il mio tempo è finito finalmente

Vai avanti e sii tutto ciò che puoi essere
Quindi puoi vedere il percorso da percorrere
Lasciati guidare dalla nostra voce
Sento solo dolore
Ma so che ogni cosa passerà
La fine del percorso che si accende per sempre

La luce bianca mi sta accecando
Mi ruba la vista
In qualche modo mi rende libero
Mi chiama per unirmi

Un incantesimo lanciato su di me
Porta la luce finale
di un crepuscolo tanto atteso

Benedetto, tu sei il prescelto
che ha aperto i suoi occhi alla luce
Ora vai in pace
e fai un passo fuori dal labirinto
Ho pensato di essere pazzo
Ho sempre saputo che
ci doveva essere più di questo
Io sto uscendo mentre
tu stai abbracciando il buio

Quando nasce un messia
è come una fioritura tardiva di un fiore
che sorge nel mondo sotterraneo
acque di speranza
che cadono su una terra orfana
Non più schiavo
Ora vago verso l’ignoto
Ma sono sicuro come il mio cuore che batte
Non ho paura della luce

Tags: - Visto 11 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .