El hijo del blues – Mägo de Oz

El hijo del blues (Il figlio del blues) è la traccia numero cinque del l’album omonimo d’esordio dei Mägo de Oz, pubblicato nel 1994.

Formazione Mägo de Oz (1994)

  • Juanma – voce
  • Carlitos – chitarra
  • Chema – chitarra
  • Salva – basso
  • Txus – batteria
  • Mohamed – violino

Traduzione El hijo del blues – Mägo de Oz

Testo tradotto di El hijo del blues (Txus) dei Mägo de Oz [Locomotive Music]

El hijo del blues

Desde el día en que nací
tuve una cosa muy clara
que tendría que pagar por ser una especie rar
yo soy el hijo bastardo del Blues con una mujer
que movía sus caderas hasta hacerte enloquecer.

Mi viejo me enseno ha hacerte
mover los pies
y tocar con sentimiento,
rabia puse al nacer
me maldicen los babosos
por tocar mi guitarra
y los modernos de turno
se disfrazan con mi piel

He poseido a mucha gente,
desde Chuck, Hendrix a Page
y hasta para el mismo diablo
en el infierno yo toque
tengo un primo afeminado
que reina en televisión
es el encanto de las nenas,
por nombre se puso “Pop”.

Mi viejo me enseno
ha hacerte mover los pies
y a tocar con sentimiento,
rabia puse al nacer
me maldicen los babosos
por tocar mi guitarra
nunca han podido hacerme callar,
mi nombre es rock’ n’ roll.

El día que tú naciste
nacieron los coliflores
por eso los albaniles
llevan zapatillas blancas.

Il figlio del blues

Dal giorno in qui sono nato
ho sembre avuto una cosa ben chiara
che dovrei pagare per essere una specie rara
io sono il figlio bastardo del blues con una donna
che muoveva i fianchi per farti impazzire

Il mio vecchio mi ha insegnato
come muovere i piedi
e suonare con sentimento
ero arrabbiato dalla nascita
I babbei mi maledicono
per aver suonato la mia chitarra
e quelli moderni a loro volta
si travestiranno con la mia pelle

Ho posseduto molta gente
da Chuck, Hendrix a Page
e perfino per lo stesso diavolo
nell’inferno ho suonato
ho un cugino effeminato
che è la regina della televisione
È l’incanto delle ragazze
come nome ha scelto “Pop”

Il mio vecchio mi ha insegnato
come muovere i piedi
e suonare con sentimento
ero arrabbiato dalla nascita
I babbei mi maledicono
per aver suonato la mia chitarra
non sono mai riusciti a farmi tacere
il mio nome è rock’n’roll

Il giorno in cui tu sei nato
sono nati i cavolfiori
per quello i muratori
usano le scarpe bianche.

Tags: - Visto 61 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .