Gears – Lamb of God

Gears (Ingranaggi) è la traccia numero tre del decimo omonimo album dei Lamb of God, pubblicato il 19 giugno del 2020. [♫ video ufficiale  ♫]

Formazione Lamb of God (2020)

  • Randy Blythe – voce
  • Mark Morton – chitarra
  • Willie Adler – chitarra
  • John Campbell – basso
  • Art Cruz – batteria

Traduzione Gears – Lamb of God

Testo tradotto di Gears dei Lamb of God [Epic]

Gears

You suffer from a manufactured sickness
and envy by design
Pre-calculated status
and patterns of desire
Accumulation and adoration,
built to feed your ostentation
Perpetually unsatisfied,
but you never question why

So hang it on the wall
of your golden cage
Tell yourself that it means something

Empty actions to fill the time
Commercial gods keep you in line
Industry and empire thrive
While you’re dying for always more

Your endless hunger automated, 
industry defined
A systematic impulse, parametric lines
Subjugation and degradation
the blueprint to your annihilation
Your assets personified, a product of the times

So hang a mirror on the wall
of your golden cage
Tell yourself that you mean something

Empty actions to fill the time
Commercial gods keep you in line
Industry and empire thrive
While you’re dying for always more

So you can’t take it with you
but you don’t use it now
A shallow life to crush you,
drive you into the ground
So scared to lose
the nothings you acquire
Everything must fall, bones on a pyre

(So scared to lose it all
So scared to lose it all)
Always more
Always more
More and more and more

Empty actions to fill the time
Commercial gods keep you in line
Industry and empire thrive
While you’re dying for always more
Always more

Ingranaggi

Soffri di una malattia artificiale
e invidia per il design
Stato pre-calcolato
e modelli di desiderio
Accumulo e adorazione,
costruiti per alimentare la tua ostentazione
Perennemente insoddisfatto,
ma non ti chiedi mai il perché

Quindi appendilo al muro
della tua gabbia dorata
Dì a te stesso che significa qualcosa

Azioni vuote per riempire il tempo
Gli dei della pubblicità ti tengono in linea
L’industria e l’impero prosperano
Mentre stai morendo per averne sempre di più

La tua infinita fame automatizzata
definita dall’industria
Un impulso sistematico, linee parametriche
Sottomissione e degrado
sono il modello per il tuo annientamento
I tuoi beni personificati, un prodotto dei tempi

Quindi appendi uno specchio al muro
della tua gabbia dorata
Dì a te stesso che significhi qualcosa

Azioni vuote per riempire il tempo
Gli dei della pubblicità ti tengono in linea
L’industria e l’impero prosperano
Mentre stai morendo per averne sempre di più

Quindi non puoi portarlo con te
ma tu non lo usi adesso
Una vita superficiale per schiacciarti
portarti a terra
così spaventato di perdere
il nulla che acquisisci
Tutto deve cadere, ossa su una pira

(Così spaventato di perdere tutto
Così spaventato di perdere tutto)
Sempre di più
Sempre di più
Di più, di più, di più

Azioni vuote per riempire il tempo
Gli dei della pubblicità ti tengono in linea
L’industria e l’impero prosperano
Mentre stai morendo per averne sempre di più
Per averne di più

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *