Masters of destiny – Delain

Masters of destiny (Padroni del destino) è la traccia numero tre del sesto album dei Delain, Apocalypse & Chill, pubblicato il 7 febbraio del 2020. [♫ video ufficiale ♫]

Formazione Delain (2020)

  • Charlotte Wessels – voce
  • Timo Somers – chitarra, voce
  • Otto Schimmelpenninck van der Oije – basso
  • Joey de Boer – batteria
  • Martijn Westerholt – tastiere

Traduzione Masters of destiny – Delain

Testo tradotto di Masters of destiny dei Delain [Napalm Records]

Masters of destiny

I, I curse the morning star and
I, I curse the moonlit sky

I traced the stars and mapped them all
And to my misery
Each single line up in the sky
pointed back to me
I can’t escape my destiny
I can’t escape

Like a deer, still as stone, on the road
As headlights approach

No, the things we’ve said and done
Oh, the things we have become
Oh the things we’ve said and done
We’ve said and done
We’ve said and done

Used to be sure that
It’s me who sleeps
But can it be
Somewhere there’s a life
That dreams of me

Used to be sure that
I roll the dice
But can it be
Eternity is playing me

No, the things we’ve said and done
Oh, the things we have become
Oh the things we’ve said and done
We’ve said and done
We’ve said and done

Hold on
Chance is cruel but there’s no one else
Keeping you down
If you don’t bow to its will

I am the dreamer
I roll the dice
I’m alive
My hands aren’t tied

We are the dreamers
We roll the dice
We’re alive
We’ll always be
The masters of our destiny

Like a deer
Brick to bone
On the road
Flesh picked on by crows

Oh, the things we have become
Oh, the things we’ve said and done
We’ve said and done
Oh, the things we’ve said and done
Oh, the things we have become
Oh, the things we’ve said and done
We’ve said and done

Padroni del destino

Io maledico la stella del mattino e
Io maledico il cielo illuminato dalla luna

Ho tracciato le stelle e le ho mappate tutte
fino alla mia infelicità
Ogni singola fila nel cielo
puntava a me
Non posso sfuggire al mio destino
Non posso scappare

Come un cervo, fermo come un sasso,
sulla strada con l’avvicinarsi dei fari

No, le cose che abbiamo detto e fatto
Oh, le cose che siamo diventati
Oh le cose che abbiamo detto e fatto
Abbiamo detto e fatto
Abbiamo detto e fatto

Ero solita essere sicura che
fossi io a dormire
Ma può essere che
da qualche parte c’è una vita
che sogna di me

Ero solita essere sicura che
ero io a lanciare i dadi
Ma può essere che
l’eternità sta giocando con me

No, le cose che abbiamo detto e fatto
Oh, le cose che siamo diventati
Oh le cose che abbiamo detto e fatto
Abbiamo detto e fatto
Abbiamo detto e fatto

Resisti
Il caso è crudele ma non c’è nessun altro
che ti trattiene
se non ti pieghi al suo volere

Io sono il sognatore
Io lancio i dadi
Sono vivo
Non ho le mani legate

Noi siamo i sognatori
Noi lanciamo i dadi
Non siamo vivi
Saremo sempre noi
I padroni del nostro destino

Come un cervo
Ossa sui mattoni
Sulla strada
Con la carne presa di mira dai corvi

Oh, le cose che siamo diventati
Oh le cose che abbiamo detto e fatto
Che abbiamo detto e fatto
Oh le cose che abbiamo detto e fatto
Oh, le cose che siamo diventati
Oh le cose che abbiamo detto e fatto
Abbiamo detto e fatto

Tags:, - Visto 2 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .