Perennial – Jinjer

Perennial (Perenne) è la traccia numero quattro dell’EP dei Jinjer, Micro, pubblicato l’11 gennaio del 2019. [♫ video ufficiale ♫]

Formazione Jinjer (2019)

  • Tatiana Shmailyuk – voce
  • Roman Ibramkhalilov – chitarra
  • Eugene Abdukhanov – basso
  • Vladislav Ulasevish – batteria

Traduzione Perennial – Jinjer

Testo tradotto di Perennial dei Jinjer [Napalm Records]

Perennial

This autumn feels like funeral to me
The longest song of grief.
And not for what has past
But for what shall last

Exhausted nature is so tragic and suicidal!
Oh how spectacular she is when she kills herself!
Death throes are slowly crawling to her toes
As the last leaf is falling off her head.
I’m here with her undressed
With a few petals on my breasts
We shared opiates
and let the landscapes do the same
I love your warmth but
yet prefer to sleep in cold alone.
We fixed our eyes up to the sky
To see a flight send us farewell

Goodbye!
May we see each other next time.
So please, come back
to celebrate this festival of life

Then as now fly!
Today you reached the point of no return.
Now cry! And then die!
Tomorrow I will meet you
with your cells restored.

Annual tradition of mass destruction
In the name of total reconstruction
My biggest source of confusion
The reason of decay and disillusion.
Under permanent ice
we found a breathless paradise
No, we’re not dead,
No, we’re not dead,
Just enjoying coma

From the ashes of my roots
the new me will rise to live again
This is poetry of youth,
this is poetry of me and you!
From the ashes of my roots
the new me will rise to live again
This is poetry of youth,
this is poetry of me and you!

Perenne

Questo autunno mi sembra funerale
La canzone più lunga del lutto
E non per ciò che è passato
Ma per quello che durerà

La natura esausta è così tragica e suicida!
Oh, quanto è spettacolare quando si uccide!
Le convulsioni mortali si avvicinano ai suoi piedi
Mentre l’ultima foglia sta cadendo dalla sua testa
Sono qui con lei spogliata
Con pochi petali sul mio seno
Abbiamo condiviso gli oppiacei
e lasciato che i paesaggi facciano lo stesso
Adoro il tuo calore ma
ancora preferisco dormire da solo al freddo
Fissammo gli occhi al cielo
per vedere un volo mandarci un saluto

Addio!
Possiamo vederci la prossima volta.
Quindi, per favore, torna
a celebrare questo festival della vita

Allora come ora vola!
Oggi hai raggiunto il punto di non ritorno.
Ora piangi! E poi muori!
Domani ti incontrerò
con le tue cellule restaurate

Tradizione annuale di distruzione di massa
Nel nome della ricostruzione totale
La mia più grande fonte di confusione
La ragione del decadimento e della disillusione
Sotto il ghiaccio permanente
abbiamo trovato un paradiso mozzafiato
No, non siamo morti,
No, non siamo morti,
Mi sto solo godendo il coma

Dalle ceneri delle mie radici
il nuovo me risorgerà per vivere ancora
Questa è la poesia della giovinezza,
questa è la poesia di me e te!
Dalle ceneri delle mie radici
il nuovo me risorgerà per vivere ancora
Questa è la poesia della giovinezza,
questa è la poesia di me e te!

Tags:, - Visto 19 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .