Shadow play – Tarja

Shadow play (Gioco d’ombre) è la traccia numero dieci del quinto album di Tarja Turunen, In The Raw, pubblicato il 30 agosto del 2019.

Traduzione Shadow play – Tarja

Testo tradotto di Shadow play (Turunen) di Tarja [earMUSIC]

Shadow play

Looking at the mirror, asking questions
with old, weary eyes
Once a girl who had no name
dressed as an angel in disguise
From the corner of her bedroom
light illuminates
Crawling shadows, cut out silhouettes
With the darkness, a dancing marionette

Smiled away with such a beauty
ever seen before
Drowned by rain of thorns and petals
falling at her curtain call
This mortal coil year after year
recalled a sad charade
Like a shadow play
we can’t forget
In the darkness, a crying marionette

Make me believe
I must go on
Life is a warning
Don’t want to risk it anymore
I want to leave
This place so wrong
It left me terrified to lose
All I am living for

Alone, imprisoned by the echoes
of the empty hall
She made a deal with the enemy
and let her fences fall
From the dust she build a door
to frame new memories
Once a shadow, dancing with her fears
Lights the darkness, now the puppeteer

Make me believe
I must go on
Life is a warning
Don’t want to risk it anymore
I want to leave
This place so wrong
It left me terrified to lose
All I am living for

There’s a world inside
we are holding the keys
One day at a time not trying to please
Tell me of anything that is lasting forever
You are your thoughts!
What are we waiting for?

Make me believe
I must go on
Life is a warning
Don’t want to risk it anymore
I want to leave
This place so wrong
It left me terrified to lose
All I am living for

I want to leave
This place so wrong
It left me terrified to lose
All I am living for
Make me believe
I must go on
Life is a warning
Don’t want to risk it anymore

Gioco d’ombre

Guardando lo specchio facendo domande
con gli occhi vecchi e stanchi
Una volta una ragazza che non aveva nome
e vestiva da angelo sotto mentite spoglie
Dall’angolo della sua camera da letto
la luce illumina
Ombre striscianti, sagome ritagliate
Con l’oscurità, una marionetta danzante

Sorrise con una tale bellezza
mai vista prima
Annegata dalla pioggia di spine e petali
che cadono nel suo inchino finale
Quelle spoglie mortali, anno dopo anno,
ricordavano una triste farsa,
come un gioco d’ombre
che non avremmo potuto scordare
nell’oscurità una marionetta piangente

Fammi credere
Devo andare avanti
La vita è un avvertimento
Non voglio più rischiare
Voglio andarmene
Questo posto è così sbagliato
Mi ha lasciata terrorizzata di perdere
tutto quello per cui vivo

Sola e prigioniera degli echi
di una sala vuota
Fece un patto con il nemico
e lasciò cadere le proprie barriere
Dalla polvere creò una porta,
con cui incorniciare nuovi ricordi
Un tempo l’ombra danzava con le sue paure
Illumina l’oscurità, ora il burattinaio

Fammi credere
Devo andare avanti
La vita è un avvertimento
Non voglio più rischiare
Voglio andarmene
Questo posto è così sbagliato
Mi ha lasciata terrorizzata di perdere
tutto quello per cui vivo

C’è un mondo dentro
di cui abbiamo le chiavi
Un giorno alla volta, non provando a piacere
Dimmi di qualcosa che dura per sempre
Tu sei i tuoi pensieri!
Che cosa stiamo aspettando?

Fammi credere
Devo andare avanti
La vita è un avvertimento
Non voglio più rischiare
Voglio andarmene
Questo posto è così sbagliato
Mi ha lasciata terrorizzata di perdere
tutto quello per cui vivo

Voglio andarmene
Questo posto è così sbagliato
Mi ha lasciata terrorizzata di perdere
tutto quello per cui vivo
Fammi credere
Devo andare avanti
La vita è un avvertimento
Non voglio più rischiare

Tags: - Visto 3 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .