Solarfall – Immortal

Solarfall (La caduta del sole) è la traccia numero due quinto album degli Immortal, At the Heart of Winter, pubblicato il 28 febbraio del 1999.

Formazione Immortal (1999)

  • Abbath Doom Occulta – voce, chitarra, basso
  • Horgh – batteria

Traduzione Solarfall – Immortal

Testo tradotto di Solarfall (Demonaz Doom Occulta) degli Immortal [Osmose]

Solarfall

Believe the sea high waves
upon our coming storm
Hear the roaring tide
as we name a dawn
See the ice in which
we craft our souls
Earth’s frozen cries
the dark benight your kind

Monstrously the seas rage afar
as if to hide from that which nears
Skyward from the seasalt air
our vision knew a giant fall
See the ice in which
we craft our souls
Life’s frozen cries
the dark benight your kind

A place of utterness
beyond the wilderness
Through a darkened terrain
that fades in emptiness…
Walkers of the dust
survivors of the blast
Slowly they move but far
behind all time into the solar fall…

Believe the sea high waves
upon our coming storm
Hear the roaring tide
as we name a dawn
Monstrously the seas rage afar
as if to hide from what which nears
Skyward from the seasalt air
our vision knew a giant fall
See the ice in which
we craft our souls
All frozen cries
the dark benight your kind
The last sunset flame
dust of ice drifts the earth
Lightning plays in depths
of no rebirth…

La caduta del sole

Credi alle alte onde del mare
sulla nostra tempesta in arrivo
Odi la marea ruggente
mentre chiamiamo un’alba
Ammira il ghiaccio in cui c
ostruiamo le nostre anime
Le grida della terra bloccate
l’oscurità avvolge la tua stirpe

Mostruosamente il mare infuria lontano
come per nascondersi da ciò che si avvicina
Guardando dall’aria che sa di sale marino la
nostra visione conosceva una grande caduta
Ammira il ghiaccio in cui
costruiamo le nostre anime
Le grida della vita bloccate
l’oscurità avvolge la tua stirpe

Un luogo di completezza
oltre le lande selvagge
Attraverso uno scuro terreno
che sbiadisce nel vuoto…
Camminatori sulla polvere
sopravvissuti all’esplosione
Lentamente si muovono ma lontano
oltre il tempo nella caduta solare…

Credi alle alte onde del mare
sulla nostra tempesta in arrivo
Odi la marea ruggente
mentre chiamiamo un’alba
Mostruosamente il mare infuria lontano
come per nascondersi da ciò che si avvicina
Guardando dall’aria che sa di sale marino la
nostra visione conosceva una grande caduta
Ammira il ghiaccio in cui
costruiamo le nostre anime
Tutte le grida gelate
l’oscurità avvolge la tua stirpe
L’ultimo tramonto si infiamma,
polvere di ghiaccio vaga sulla terra
I fulmini giocano nelle profondità
dove non c’è rinascita…

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

??!