Syrian nightmare – Tankard

Syrian nightmare (Incubo siriano) è la traccia numero cinque del diciassettesimo album dei Tankard, One Foot In The Grave, pubblicato il 2 giugno del 2017.

Formazione Tankard (2017)

  • Andreas “Gerre” Geremia – voce
  • Andreas Gutjahr – chitarra
  • Frank Thorwarth – basso
  • Olaf Zissel – batteria

Traduzione Syrian nightmare – Tankard

Testo tradotto di Syrian nightmare dei Tankard [Nuclear Blast]

Syrian nightmare

Flashes from the missiles – fire in the sky
Bombardments hammer down
Howling of projectiles louder than the cries
I’m running alone

Fleeing from the soldiers – rebel groups alike
Surrounding our town
Killing the civilians – there’s no place to hide
No mosque – no playground

When torture, pain & violence
become daily routine
My eyes have no more tears left
too much grief I’ve seen

Syrian nightmare – calamity
The world is just watching in passive lethargy
Syrian nightmare – why should I pray?
The world is just watching the death toll anyway

Our so called leaders slaying us for years
Poison gas policy
Cruel interrogations, people disappear
War crimes, beastly

Many fled the country
millions like I’m told
Now I am one of them
You can call me Ahmed, I am 10 years old
Will I live again?

When torture, pain & violence
become daily routine
My eyes have no more tears left
too much grief I’ve seen

Syrian nightmare – calamity
The world is just watching in passive lethargy
Syrian nightmare – why should I pray?
The world is just watching the death toll anyway

When torture, pain & violence
become daily routine
My eyes have no more tears left
too much grief I’ve seen

Syrian nightmare – calamity
The world is just watching in passive lethargy
Syrian nightmare – why should I pray?
The world is just watching the death toll anyway

Syrian nightmare – calamity
The world is just watching in passive lethargy
Syrian nightmare – why should I pray?
The world is just watching the death toll anyway

Incubo siriano

I lampi dei missili, il fuoco nel cielo
Bombardamenti incessanti
Le urla dei proiettili più forti delle grida
Sto correndo da solo

Fuggendo dai soldati, dai ribelli allo stesso modo
che circondano la nostra città
Uccidendo i civile, non c’è posto per nascondersi
Nessuna moschea, nessun parco giochi

Quando la tortura, il dolore e la violenza
diventano la routine quotidiana
I miei occhi non hanno più lacrime
ho visto troppo dolore

Incubo siriano – calamità
Il mondo sta solo guardando in passiva indolenza
Incubo siriano – perché dovrei pregare?
Il mondo sta solo guardando il numero dei morti

I nostri cosiddetti leader ci uccidono da anni
La politica del gas velenoso
Interrogazioni crudeli, le persone scompaiono
Crimini di guerra, terribili

Molti sono fuggiti dal paese
in milioni come mi è stato detto
Ora io sono uno di loro
Puoi chiamarmi Ahmed, ho dieci anni
Vivrò di nuovo?

Quando la tortura, il dolore e la violenza
diventano la routine quotidiana
I miei occhi non hanno più lacrime
ho visto troppo dolore

Incubo siriano – calamità
Il mondo sta solo guardando in passiva indolenza
Incubo siriano – perché dovrei pregare?
Il mondo sta solo guardando il numero dei morti

Quando la tortura, il dolore e la violenza
diventano la routine quotidiana
I miei occhi non hanno più lacrime
ho visto troppo dolore

Incubo siriano – calamità
Il mondo sta solo guardando in passiva indolenza
Incubo siriano – perché dovrei pregare?
Il mondo sta solo guardando il numero dei morti

Incubo siriano – calamità
Il mondo sta solo guardando in passiva indolenza
Incubo siriano – perché dovrei pregare?
Il mondo sta solo guardando il numero dei morti

Tags:, - Visto 58 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .