Thank you for the demon – Mustasch

Thank you for the demon (Grazie per il demone) è la traccia numero due e quella che dà il nome all’ottavo album dei Mustasch, pubblicato il 15 gennaio del 2014.

Formazione Mustasch (2017)

  • Ralf Gyllenhammar – voce, chitarra
  • David Johannesson – chitarra
  • Stam Johansson – basso
  • Jejo Perković – batteria

Traduzione Thank you for the demon – Mustasch

Testo tradotto di Thank you for the demon (Gyllenhammar) dei Mustasch [Gain Music Entertainment]

Thank you for the demon

I’m a king without a kingdom to rule
The day I was born was
the day I was doomed
But the scars that you gave me,
they made me look cool
So I thank you for the demon

I’m the intruder
who gave you feel hell
An outcast that all of you easily
could blame
Your hate and your envy
only made my ego swell
Thank you for the demon

I’m a king without a kingdom to rule
The day I was born was
the day I was doomed
But the scars that you gave me,
they made me look cool
So I thank you for the demon

No one listened whenever I spoke
My talent made you existentially provoked
I spent all my life being
angry and choked
But I thank you for the demon

I’m a king without a kingdom to rule
The day I was born was
the day I was doomed
But the scars that you gave me,
they made me look cool
So I thank you for the demon

I´m grateful of the pain
The guilt and the shame
Your self-absorbed behaviour
You robbed me from my crown
But pushing me around
Made me who I am

I’m a king without a kingdom to rule
The day I was born was
the day I was doomed
But the scars that you gave me,
they made me look cool
So I thank you for the demon

I´m a king without a kingdom to rule
A lifetime in exile in the land of the fools
The scars that you gave me,
they made me look cool
Thank you for the demon!

Grazie per il demone

Sono un re senza un regno da governare
Il giorno in cui sono nato è stato
il giorno in cui sono stato condannato
Ma le cicatrici che mi avete dato,
mi rendono figo
Quindi vi ringrazio per il demone

Sono l’intruso
che vi ha fatto sentire l’inferno
Un emarginato che voi tutti
potete facilmente incolpare
Il vostro odio e la vostra invidia hanno
solo incrementato il mio ego
Grazie per il demone

Sono un re senza un regno da governare
Il giorno in cui sono nato è stato
il giorno in cui sono stato condannato
Ma le cicatrici che mi avete dato,
mi rendono figo
Quindi vi ringrazio per il demone

Nessuno ha ascoltato ogni volta che ho parlato
Il mio talento vi ha provocato esistenzialmente
Ho trascorso tutta la mia vita
arrabbiato e soffocato
Ma vi ringrazio per il demone

Sono un re senza un regno da governare
Il giorno in cui sono nato è stato
il giorno in cui sono stato condannato
Ma le cicatrici che mi avete dato,
mi rendono figo
Quindi vi ringrazio per il demone

Sono grato del dolore
La colpa e la vergogna
Il vostro comportamento autoassorbito
Mi avete derubato dalla mia corona
Ma mi spinge in giro
Ha mostrato chi sono

Sono un re senza un regno da governare
Il giorno in cui sono nato è stato
il giorno in cui sono stato condannato
Ma le cicatrici che mi avete dato,
mi rendono figo
Quindi vi ringrazio per il demone

Sono un re senza un regno da governare
Una vita in esilio nel regno egli stupidi
Ma le cicatrici che mi avete dato,
mi hanno reso figo
Grazie per il Demone!

Tags:, - Visto 148 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .