The berserker at Stamford Bridge – Amon Amarth

The berserker at Stamford Bridge (Il guerriero sul ponte sullo Stamford) è la traccia numero otto dell’undicesimo album degli Amon Amarth, Berserker, pubblicato il 3 maggio del 2019. Il brano fa riferimento alla battaglia di Stamford Bridge del 1066 fra l’esercito invasore norvegese, guidato da Harald Hardråde e quello di Re Aroldo II Godwinsson d’Inghilterra. Secondo la cronaca anglosassone, Il ponte sullo Stamford venne immediatamente occupato da un guerriero norvegese di enorme statura, armato di ascia, senza armatura, che combatteva in modo furioso e che terrorizzò l’esercito anglosassone. Egli riuscì a tenere il ponte per circa un’ora, buttando di sotto tutti quelli che cercavano di passare, fino a che gli anglosassoni non riuscirono ad ucciderlo posizionando una barca sotto al ponte e trafiggendolo con una lancia.

Formazione Amon Amarth (2016)

  • Johan Hegg − voce
  • Olavi Mikkonen − chitarra
  • Johan Söderberg − chitarra
  • Ted Lundström − basso
  • Jocke Wallgren – batteria

Traduzione The berserker at Stamford Bridge – Amon Amarth

Testo tradotto di The berserker at Stamford Bridge degli Amon Amarth [Metal Blade]

The berserker at Stamford Bridge

We had marched all night long
Now silently we stood upon the ridge
An army of 15,000 strong
Looking down at Stamford Bridge

The English stood on the hill
Caught off guard, we had to retreat
The omens of this day boded ill
The river cold and wide lay at our feet
One man walked out on the bridge
With Dane axe held firm in his mighty hand
Alone he stood against our foes
A giant berserker of a man

Charge, the order to attack
Nothing now can hold us back
Our entire force pours down the slopes
Now abandon all of your hope
Death, move in for the kill
Today Norsemen blood will spill

Englishmen, I am waiting here
In my heart I know not an ounce of fear
We are waiting here, my trusted axe and me
Just come at me, I will not flee
Death, I know that it awaits
Soon I will enter Valhalla’s gates

On the bridge we met his axe
While he stood, none could pass
His axe cut deep, through flesh and bone
He held the bridge all on his own
Forty men died by his steel
The only way we could make him kneel
Was to send four men out on the stream
And sting the bastard from beneath
From beneath

Il guerriero sul ponte sullo Stamford

Abbiamo marciato tutta la notte
Ora silenziosamente stiamo sul crinale
Un esercito di 15.000 uomini forti
che guardano giù Stamford Bridge

Gli inglesi stavano sulla collina
Presi di sorpresa, abbiamo dovuto ritirarci
I presagi quel giorno non portavano bene
Il fiume freddo e largo ai nostri piedi
Un uomo è andato sul ponte
Con l’ascia tenuta ferma nella sua potente mano
Da solo in piedi davanti ai nostri nemici
Un gigantesco uomo guerriero

Carica, l’ordine di attacco
Niente ora può trattenerci
Tutta la nostra forza si riversa giù per la discesa
ora abbandonate tutte le vostre speranze
Morte, arriviamo per uccidere
Oggi il sangue vichingo scorrerà

Inglesi, io vi aspetto qui
Nel mio cuore non conosco un’oncia di paura
Stiamo aspettando qui, la mia fidata ascia e me
Venite da me, non scapperò
Morte, so che aspetta
Presto entrerò nelle porte del Valhalla

Sul ponte abbiamo incontrato la sua ascia
Mentre stava lì, nessuno poteva passare
La sua ascia tagliava carne e ossa in profondità
Ha tenuto il ponte da solo
Quaranta uomini sono morti per il suo acciaio
L’unico modo in cui potemmo farlo inginocchiare
fu mandare quattro uomini su per il fium
e infilzare il bastardo da sotto
Da sotto

Tags:, - Visto 113 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .