The soundtrack to my last day – Oceans of Slumber

The soundtrack to my last day (Colonna sonora del mio ultimo giorno) è la traccia che apre il quarto omonimo album degli Oceans of Slumber, pubblicato il 4 settembre del 2020.

Formazione Oceans of Slumber (2020)

  • Cammie Gilbert – voce
  • Jessie Santos – chitarra
  • Alexander Lucian – chitarra
  • Semir Ozerkan – basso
  • Dobber Beverly – batteria, pianoforte
  • Mat V. Aleman – tastiere

Traduzione The soundtrack to my last day – Oceans of Slumber

Testo tradotto di The soundtrack to my last day degli Oceans of Slumber [Century Media]

The soundtrack to my last day

Sick and faded, he rested his weary head
Fighting a sleep he knew
would never have an end
Full of strife, every detail of his emptiness
Had brought this wretched room further to life

Nothing gained, he’s chasing tomorrow
On the pyres of his regrets
Nothing gained, he’s chasing tomorrow
Nothing gained, nothing gained

I’m so far away
I’m so far from home
I’m so far away
I’m so far from home

Delirious now, he wrings out
his weary hands
No one there to share
the dismal air of death
In his final moments,
time ceases to matter
Grey and withered the catacombs call

Say your prayers
Lend me your vespers, they sooth my ears
Hallelujah
Hallelujah

These walls haunt me more
than ghosts ever have!
She says she wants me?
Then come and take me, then!
A coward’s stance or I’d have ended this
The Echoes of unfinished everything!

My shadow grows long
My mind has come undone
Finish me, finish this
Where are you death?

Sick and faded, he rested his weary head
Fighting the sleep he knew would
never have an end
Full of strife every detail of his emptiness
Had brought his wretched room further to life

ENOUGH!
Psychopompos guide my soul
LEVIDO RETICULARUS!
Marks my skin, marks my soul

Here I stand
To claim what is mine
Queen of the damned
Darkness and time

No mortal grasp
No one turned away
In death we are equal
In death, we will stay

Here I stand!
The greatest hope
The great equaliser
The queen of the lost

Delirious now, he wrings out
his weary hands
No one there to share
the sweetest scent of death
He tells me in the mirror
with his dimming breath
To hold him close
and never let him go again

We danced and danced in emptiness
We cried and cried for hours on end
But here he stands defenceless
Against my ever-growing grasp

Let me take you far away from here
To a place where nothing else exists
Here you’ll be mine forever in emptiness
Nothing to ever let go again

Colonna sonora del mio ultimo giorno

Stufo e svanito, lui riposò la sua testa stanca
Combatte per un sonno che sapeva
non sarebbe mai finito
Pieno di conflitti, ogni dettaglio del suo vuoto
Aveva riportato in vita quella stanza disgraziata

Non guadagna niente, insegue il domani
Sui roghi dei suoi rimpianti
Non guadagna niente, insegue il domani
Non guadagna niente, non guadagna niente

Sono così lontana
Sono così lontana da casa
Sono così lontana
Sono così lontana da casa

Adesso il delirio, si stringe
le sue mani stanche
Non c’è nessuno che condivide
l’aria lugubre della morte
Nei suoi momenti finali,
il tempo cessa di importare
Grigio e appassito, le catacombe chiamano

Dì le tue preghiere
Prestami i tuoi vespri, leniscono le mie orecchie
Alleluja
Alleluja

Queste pareti mi perseguitano
più di quanto abbiano mai fatto i fantasmi!
Mi disse se mi vuole?
Allora vieni a prendermi, andiamo!
Una posizione da codardo o la faccio finita
Gli echi del tutto incompiuto!

La mia ombra sta crescendo
La mia mente è distrutta
Finiscimi, finisci questo
Morte, dove sei?

Stufo e svanito, lui riposò la sua testa stanca
Combatte per un sonno che sapeva
non sarebbe mai finito
Pieno di conflitti, ogni dettaglio del suo vuoto
Aveva riportato in vita quella stanza disgraziata

BASTA!
Il psicopompo* guida la mia anima
LIVEDO RETICOLARE**!
Segna la mia pelle, segna la mia anima

Eccomi qui
Per dichiarare ciò che è mio
La regina dei dannati
Il buio e il tempo

Nessuna presa mortale
Non si torna indietro
Nella morte, siamo uguali
Nella morte, rimarremo

Eccomi qui!
La speranza più grande
Il grande equalizzatore
La regina dei perduti

Adesso il delirio, si stringe
le sue mani stanche
Non c’è nessuno che condivide
il più dolce profumo della morte
Mi disse che nello specchi
o con il suo respiro oscurato di
Tenerlo vicino
e non lasciarlo più andare

Ballò e ballò nel vuoto
Piangemmo e piangemmo per ore alla fine
Ma qui rimase senza difese
Contro la mia sempre crescente presa

Lascia che ti porti lontano da qui
Ad un posto dove non esiste nient’altro
Qui sarai mio per sempre nel vuoto
Così non ti lascerò più andare

* traduzione inviata da Bandolero

Oceans of Slumber - album omonimoLe traduzioni di Oceans of Slumber

01.The soundtrack to my last day • 02.Pray for fire • 03.A return to the earth below • 04.Imperfect divinity (strumentale) • 05.The adorned fathomless creation • 06.To the sea (a tolling of the bells) • 07.The colors of grace • 08.I mourn these yellow leaves • 09.September (Momentaria) (strumentale) • 10.Total failure apparatus • 11.The red flower • 12.Wolf moon (Type O Negative)

Cosa ne pensi?
[Totale: 0 Media: 0]

Ti potrebbero piacere anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *