The portrait – King Diamond

The portrait (Il ritratto) è la traccia numero tre dell’album d’esordio solista di King Diamond, Fatal Portrait, pubblicato il 17 febbraio del 1986.

Formazione (1986)

  • King Diamond – voce
  • Andy LaRocque – chitarra
  • Michael Denner – chitarra
  • Timi Hansen – basso
  • Mikkey Dee – batteria

Traduzione The portrait – King Diamond

Testo tradotto di The portrait (Diamond) di King Diamond [Roadrunner]

The portrait

[The Spirit Of The Candle:]
“My mother was obsessed
by evil jealousy
She didn’t want nobody
to even look at Molly
She kept me locked up
in this attic ‘till I died
Only 4 years old,
my story left untold”
Oh Molly…oh Molly

“Mother was struck by this infallible idea
If she could paint my portrait
I would remain immortal
And I could hang downstairs
above the fireplace
A little girl in lace,
not a single trace of crime”

“Each day and night she worked
and autumn turned to spring
For every stroke she painted
a little life was ended
At last I felt so weak
I could not even speak
But in that fatal portrait
my spirit came to life again”

Oh Molly

“That night I made the portrait
speak in evil tongue:
You’re gonna go beyond too, may pain
and death bestow you
She grabbed a book and spoke aloud
an ancient rhyme
While she burned the portrait
in the candle of fate”
Oh Molly

“I’ve gotta see ma”

Il ritratto

[Lo spirito della Candela:]
Mia madre era ossessa
da una malvagia gelosia
Non voleva che nessuno
osasse guardare Molly
Mi ha tenuta rinchiusa qua,
in questo attico, finché sono morta
Avevo solo quattro anni,
la mia storia non è mai stata raccontata”
Oh Molly… Oh Molly…

“Mia madre ebbe un’idea infallibile
Se solo avesse fatto un mio dipinto
sarei diventata immortale
E avrei potuto essere appesa
al muro sopra il camino
Ero una piccola ragazza vestita di pizzo,
non ci sarebbe stata traccia del crimine”

“Ogni giorno e ogni notte lei lavorava,
e nel frattempo l’autunno diventò la primavera
E per ogni pennellata che dava alla tela
una piccola vita moriva
Alla fine mi sentivo così debole
che non riuscivo nemmeno a parlare
Ma in quel ritratto fatale
il mio spirito è ritornato in vita”

Oh Molly…

“Quella notte ho fatto pronunciare
al ritratto queste parole:
Anche tu te ne andrai nell’aldilà, che il dolore
e la morte prendano possesso di te
Lei prese un libro e disse ad alta voce
un’antica formula
Mentre bruciava il ritratto
sulla candela del destino”
Oh Molly…

“Devo andare a vedere la mamma…”

Tags: - 107 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .