Prostitute – Guns ‘N’ Roses

Prostitute (Prostituta) è la quattordicesima e ultima traccia del sesto album dei Guns ‘N’ Roses, Chinese Democravy, pubblicato il 23 novembre del 2008.

Formazione Guns ‘N’ Roses (2008)

  • Axl Rose – voce
  • Robin Finck – chitarra
  • Tommy Stinson – basso
  • Frank Ferrer – batteria
  • Dizzy Reed – tastiere

Traduzione Prostitute – Guns ‘N’ Roses

Testo tradotto di Prostitute (Rose, Tobias) dei Guns ‘N’ Roses [Geffen]

Prostitute

Seems like forever and a day

If my intentions are misunderstood,
Please be kind
I’ve done all I should.
I won’t ask of you
What I would not do.
Oh, I saw the damage in you
My fortunate one
The envy of youth.

Why would they
Tell me to please those
That laugh in my face
When all of the reasons
They’ve taught us
Fall over themselves
To give way

It’s not a question of
Whether my heart is true
Streamlined
I had to pull thought
Look for a new
Beginning on you
Oh I got a message for you
Up and away
It’s what I gotta do
Forgive what you have
For what you might lose.

What would you say
If I told you that I’m to blame
And what would you do
If I had to deny your name
Where would you go if I told you
I love you and then walked away
N’ who should I turn to
If not for the ones
You would not save

I told you when I found you
If there were doubts you
Should be careful and unafraid
Now they surround you
And all that amounts to
Is love that you fed by
Perversion and fame

So if my affections
Are misunderstood
And you decide
I’m up
To no good
Don’t ask me to
Enjoy them
Just for you

Ask yourself
What I would choose
To prostitute myself
To live with fortune and shame
Oh yeah
When you should
Have turned to the hearts
Of the ones
That you could not save

I told you
When I found you
All that amounts to
Is love that you fed by
Perversion and fame

Prostituta

Sembra per sempre e un giorno

Se le mie intenzioni sono fraintese
Per favore sii gentile
ho fatto tutto quello che potevo
Non chiederò a te
quello che non farei
Ho visto il danno in te
Il mio fortunato
l’invidia della gioventù

Perché dovrebbero
dirmi di far piacere a coloro
che mi ridono in faccia
Quando tutte le ragioni
che c’hanno insegnato
cadono su di loro
per cedere il passo

Non è in questione
se il mio cuore è veritiero
Semplificato,
dovevo spingermi oltre
Guardo a te
per un nuovo inizio
Oh, Ho un messaggio per te
Su e via
è quello che devo fare
Perdona quello che hai,
per ciò che potresti perdere

Cosa diresti
se ti dicessi che è colpa mia?
E cosa faresti
se dovessi negare il tuo nome?
Dove andresti se ti dicessi
“ti amo” e poi me ne andassi via?
E a chi dovrei rivolgermi
se non a quelli
che tu non potresti salvare?

Te l’ho detto quando ti ho trovata
se c’erano dei dubbi
avresti dovuto stare tranquilla e senza paura
Ora ti circondano
Anche tutta quella moltitudine
è amore che tu hai nutrito con la
perversione e la fama

Così se i miei affetti
sono travisati
E tu decidi
che non
vado bene
Non chiedermi di
farli divertire
solo per te

Chiedi a te stessa
cosa sceglierei
per prostituire me stesso
per vivere con fortuna e vergogna
Oh yeah
Quando avresti dovuto
rivolgerti ai cuori
di quelli
che non potresti salvare

Te l’ho detto
quando ti ho trovata
che anche tutta quella moltitudine
è amore che hai nutrito a
perversione e dolore

Tags: - 273 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .