Wake up the king – Edguy

Wake up the king ( Si desti il sovrano) è la traccia numero cinque del quarto album degli Edguy, Theater of Salvation, pubblicato il 27 gennaio del 1999.

Formazione Edguy (1999)

  • Tobias Sammet – voce, tastiera
  • Jens Ludwig – chitarra
  • Dirk Sauer – chitarra
  • Tobias Exxel – basso
  • Felix Bohnke – batteria

Traduzione Wake up the king – Edguy

Testo tradotto di Wake up the king (Sammet) degli Edguy [AFM]

Wake up the king

Soldier of sunlight
Welcome to the kingdom of ignorance
Where all the tears of ages
tell their tales
No one dares to break the spell
No one dares to fly
Time is running out
You can’t deny

How many times
Have you found yourself
under the influence?
How many times has a mirror
made you cry?
Now it’s time to stand upright
Tear down your inner door
The birth of yourself can’t wait no more

In your mind there’s a battle raging on
Try to find what you’re fighting for

Wake up the king
From his sleep in your fantasy
Wake up the king
Let him be all your ecstasy

Tears flow to rivers
And rivers to oceans of broken dreams
Have you ever heard of tears of joy?
Show yourself a sense of life
Open up your eyes
Let your heartbeat
be your best advice

In your eyes I can see the fire burn
Realize, now it is your turn

Wake up the king
From his sleep in your fantasy
Wake up the king
Let him be all your ecstasy

Look at the mountain,
look at the sun
Feel all the pure energy
Birds fly and whisper,
call out your name
They belong to you and you’re the
King of a kingdom,
light in your hand
Look at what you have never seen
Walk on a rainbow,
look to the stars
Cry it out and
make your dream come true
Wake up the king
From his sleep in your fantasy
Wake up the king
Let him be all your ecstasy

Wake up the king
From his sleep in your fantasy
Wake up the king
Let him be all your ecstasy

Can’t you see the crown?

(…and the vision continued:
“There is less sense in complaining
than looking for your skills…”)

Si desti il sovrano

O militi del chiaror del mattino
Siate i benvenuti nel reame dell’ignoranza
Ove tutte le lacrime delle ere
narrano le proprie novelle
Nessuno osa spezzare l’incantesimo
Nessuno osa librarsi per l’aere
Sfuggendo sta il tempo,
Non puoi rifiutare

Quante volte
Scovasti la tua essenza
sotto l’ombra dell’ascendente?
Quante volte lo specchio
t’accompagnò in fiumi di lacrime?
Ora è il momento d’ergersi retto
Scardina il tuo portone mentale
La rinascita del tuo “io” non può attender oltre

Nel tuo genio v’è una battaglia che infuria
Tenta a ricercar l’ideale per cui stai lottando

Si desti il sovrano
Dal suo sonno nella tua fantasia
Si desti il sovrano
Lascia ch’esso sia la tua estasi

Scendono le lacrime a fiumi
E i torrenti si riversano in oceani di sogni infranti
Hai tu mai sentito parlar di lacrime di gioia?
Manifesta a te stesso il senso dell’esistenza
Spalanca i tuoi occhi
Lascia che il suono del tuo cuore
sia il tuo miglior consiglio

Nei tuoi occhi scorgo ardere il fuoco
Comprendi, ora è il tuo turno

Si desti il sovrano
Dal suo sonno nella tua fantasia
Si desti il sovrano
Lascia ch’esso sia la tua estasi

Volgi il tuo sguardo ai monti,
volgi il tuo sguardo al sole
Assorbi ogni verginea energia
Volano e sussurrano i passeri,
chiamando il tuo nome
Essi ti appartengono e tu sei
Il sovrano di questo regno,
saetta nel tuo palmo
Fissa con gl’occhi ciò che mai avevi visto
Poni piede sull’arcobaleno,
alza lo sguardo alle stelle
Gridagli contro e
fa sì che il tuo sogno diventi realtà
Si desti il sovrano
Dal suo sonno nella tua fantasia
Si desti il sovrano
Lascia ch’esso sia la tua estasi

Si desti il sovrano
Dal suo sonno nella tua fantasia
Si desti il sovrano
Lascia ch’esso sia la tua estasi

Puoi scorger la corona?

(…E continuò così la visione:
“V’è meno senso nel lamentarsi
che partir alla ricerca dei tuoi talenti…)

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 194 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .