Impossible brutality – Kreator

Impossible brutality (Brutalità impossibile) è la traccia numero due dell’undicesimo album dei Kreator, Impossible brutality, pubblicato il 10 gennaio del 2005. [♫   video ufficiale ♫]

Formazione Kreator (2005)

  • Mille Petrozza – chitarra, voce
  • Christian ‘Speesy’ Giesler – basso
  • Sami Yli-Sirniö – chitarra
  • Jürgen ‘Ventor’ Reil – batteria

Traduzione Impossible brutality – Kreator

Testo tradotto di Impossible brutality (Petrozza) dei Kreator [SPV]

Impossible brutality

All I see is terror

All I see is pain

All I see is mothers

dragging children to their graves

A curse as old as time,

An armageddon misery

Spectators of a world in ruins

Hypnotized I’m staring at

Impossible brutality

Its all there was

Its all there’ll ever be

All I see is violence

All I see is hate

All I see is tyrants

dragging servants on a chain

A curse as old as time,

An armageddon misery

Spectators of a World in ruins

Paralyzed I’m staring at

Impossible brutality

Its all there was

Its all there’ll ever be

How much more can you take

Propaganda mind control

From the cradle to the grave

Poisoned fruits to kill the soul

The weak following the blind

Fearful hearted empty eyed

In this mortal plane of slaves

Life’s oppressors

can not be destroyed

All I see is terror

All I see is pain

All I see is mothers

dragging children to their graves

A curse as old as time,

An armageddon misery

Spectators of a World in ruins

Paralyzed I’m staring at

Impossible brutality

Its all there was

Its all there’ll ever be

And as your world collapses

I’ll watch it die in silence

I wish this day would come now

Await it’s dawning without fear

Brutalità impossibile

Tutto ciò che vedo è terrore

Tutto ciò che vedo è dolore

Tutto ciò che vedo sono madri

che trascinano i loro figli alle loro tombe

Una maledizione vecchia come il tempo,

un armageddon miserevole

Spettatori di un mondo in rovine

Lo sto fissando, come se fossi ipnotizzato

Brutalità impossibile

È tutto ciò che è stato

È tutto ciò che mai sarà

Tutto ciò che vedo è violenza

Tutto ciò che vedo è odio

Tutto ciò che vedo sono tiranni

che trascinano i propri servi con le catene

Una maledizione vecchia come il tempo,

un armageddon miserevole

Spettatori di un mondo in rovine

Lo sto fissando, come se fossi paralizzato

Brutalità impossibile

È tutto ciò che è stato

È tutto ciò che mai sarà

Ancora quanto potrai prendere?

La propaganda è un controllo della mente

Dalla culla alla tomba

Frutti avvelenati per uccidere l’anima

Il debole segue il cieco

Dagli occhi vuoti pieni di paura

in questo mortale piano di schiavi

Gli oppressori della vita

non possono essere distrutti

Tutto ciò che vedo è terrore

Tutto ciò che vedo è dolore

Tutto ciò che vedo sono madri

che trascinano i loro figli alle loro tombe

Una maledizione vecchia come il tempo,

un’armageddon miserevole

Spettatori di un mondo in rovine

Lo sto fissando, come se fossi ipnotizzato

Brutalità impossibile

È tutto ciò che è stato

È tutto ciò che mai sarà

E, mentre il tuo mondo collassa,

Lo guarderò morire silenziosamente

Spero che quel giorno arrivi adesso

Aspetto, sta facendo mattino, senza paura

Tags:, - 260 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .