Kings and Queens – Aerosmith

Kings and Queens (Re e Regine) è la traccia numero sei ed il secondo singolo del quinto album degli Aerosmith, Draw the Line, pubblicato il primo dicembre del 1977.

Formazione Aerosmith (1977)

  • Steven Tyler – voce
  • Joe Perry – chitarra
  • Brad Whitford – chitarra
  • Tom Hamilton – basso
  • Joey Kramer – batteria

Traduzione Kings and Queens – Aerosmith

Testo tradotto di Kings and Queens (Douglas, Hamilton, Kramer, Tyler, Whitford) degli Aerosmith [Columbia]

Kings and Queens

Long ago in days I’m told
Were ruled by Lords of greed
Maidens fared with gold
They dared to bare their wombs that bleed

Kings and queens and guillotines
Taking lives denied
Starch and parchment laid the laws
When bishops took the ride
Only to deceive

Oh I know I lived this life before
Somehow know now truths
I must be sure
Tossin turnin’ nightmares
burnin’ dreams of swords in hand
Sailin’ ships the Viking spits
the blood of father’s land
Only to deceive

Living times of knights and mares
Raising swords for maidens fair
Sneer at death fear
only loss of pride

Living other centuries
Deja vu or what you please
Follows true to all who do or die

Screams of no reply they died
Screams of no reply and died
Lordy lordy and then then they died
Lordy then they died

Live and do or die
Long ago were days I told…Lord they died
Kings and queens and guillotines
Live and no reply they died
Long ago were days I told
Kings and queens and guillotines

Re e Regine

Tanto tempo fa, in questi giorni, mi raccontano
governati dai Signori dell’avidità
Fanciulle coperte d’oro che
Osavano scoprire il loro grembo sanguinante

Re e Regine e ghigliottine
prendevano vite negate
Rotili di pergamena dettavano le leggi
E i vescovi tenevano tutto sotto controllo,
solo per ingannare

Oh, lo so che ho già vissuto questa vita
In qualche modo conosco la verità
di cui devo essere sicuro
Agitati e sconvolgenti incubi
bruciano sogni di spade sguainate
Navigando i Vichinghi sputano
il sangue della terra dei padri
Solo per ingannare

Vivere i tempi di cavalieri e giumente,
alzare spade per attraenti fanciulle
Sprezzanti di fronte alla morte,
timorosi solo di perdere l’orgoglio

Vivere altri secoli
Deja Vu o come vi pare
Compagni leali di chi da o muore

Urla mute; loro sono morti
Urla mute; loro sono morti
Signore, signore, e poi loro sono morti
Signore, e poi loro sono morti

Vivere e sfidare la morte; loro sono morti
Tanto tempo fa erano giorni, ho raccontayo
Re e Regine e ghigliottine
Vivere e non tornare; loro sono morti
Tanto tempo fa erano giorni, raccontavo
Re e Regine e ghigliottine

Tags:, - 626 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .