Paraphernalia – Death SS

Paraphernalia (Beni parafernali) è la traccia che apre il quinto album dei Death SS, Panic, uscito il 5 giugno del 2000. Nel testo vengono citati Anton Szandor LaVey, esoterista, musicista e scrittore statunitense fondatore della Chiesa di Satana, Aleister Crowley, esoterista, artista e scrittore britannico, William Seward Burroughs, scrittore e saggista statunitense vicino al movimento della beat generation e Alejandro Jodorowsky, scrittore, drammaturgo, poeta, saggista, fumettista e cineasta cileno naturalizzato francese.

Formazione Death SS (2000)

  • Steve Sylvester – voce
  • Emil Bandera – chitarra
  • Kaiser Sose – basso
  • Anton Chaney – batteria
  • Oleg Smirnoff – tastiere

Traduzione Paraphernalia – Death SS

Testo tradotto di Paraphernalia dei Death SS [Lucifer Rising Records]

Paraphernalia

There is no heaven of glory bright and no hell where sinners roast.
Here and now is your day of torment
Here and now is your day of joy!
[A.S. LaVey]

Arise, o man, in thy strenght!
The kingdom is thine to inherit.
Fill the high gods
witness at lenght
That man is the lord of his spirit
[A. Crowley]

When I become death
Death is the seed from which I grow
[W.S. Borroughs]

In the centre of the centre of the centre
Of our body, the blood flows
Like an obscure river.
And sailing the obscure river
of this blood
We reach the immortal drop
of our conscience.
Come in the panic theatre!
Come with us in the centre of the centre
Of flesh and blood,
And drink the eternal drop
of our conscience
That cannot die!
[A. Jodorowsky]

Beni parafernali

Non c’é nessun paradiso di splendente gloria e nessun inferno in cui i peccatori bruciano
qui e adesso é il tuo giorno di tormento!
qui e adesso é il tuo giorno di gioia!…
[A.S. LaVey]

Sorgi o uomo, nella tua forza!
Il regno é tuo da possedere
adempi le testimonianze
degli dei supremi fino in fondo
quell’uomo é il signore del suo spirito
[A. Crowley]

Quando divento morte
la morte é il seme dal quale io cresco…
[W.S. Borroughs]

Nel centro del centro del centro
del nostro corpo, fluisce il sangue
come un fiume oscuro
e navigando l’oscuro fiume
di questo sangue
raggiungiamo la goccia immortale
della nostra coscienza.
venite nel teatro panico!
venite con noi nel centro del centro
del sangue e dalla carne.
e bevete la goccia immortale
della nostra coscienza
che non puó morire!…
[A. Jodorowsky]

Tags: - 188 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .