The taste of fear – Shadows Fall

The taste of fear (Il gusto del terrore) è la traccia numero sei del sesto album dei Shadows Fall, Retribution, pubblicato il 15 settembre del 2009.

Formazione Shadows Fall (2009)

  • Brian Fair – voce
  • Jonathan Donais – chitarra
  • Matt Bachand – chitarra
  • Paul Romanko – basso
  • Jason Bittner – batteria

Traduzione The taste of fear – Shadows Fall

Testo tradotto di The taste of fear dei Shadows Fall [Everblack Industries]

The taste of fear

A slave to your seduction.
Open myself to sweet destruction.
Pray for your affection.
Still I welcome this rejection.

Tear it down
into ruins.
It comes around,
the taste of fear.

When I see your face,
it haunts me.
The cold embrace deceiving,
surrounded by my misery.

It’s become so easy,
for someone like you, to lie.
Always searching
for a better way to say goodbye.

It’s so hard to listen
hateful words
you’ve always written.
All the lives you’ve taken.
All the people you’ve forsaken.

Tear it down
into ruins.
It comes around,
the taste of fear.

When I see your face,
it haunts me.
The cold embrace deceiving,
surrounded by my misery.

It’s become so easy,
for someone like you, to lie.
Always searching
for a better way to say goodbye.
The taste of fear,
the only thing
that gets you high.
With no regrets
I will let this feeling die.

When I see your face,
it haunts me.
The cold embrace deceiving,
surrounded by my misery.

It’s become so easy,
for someone like you, to lie.
(To lie.)
Always searching
for a better way to say goodbye.
The taste of fear,
the only thing
that gets you high.
(Gets you high!)
With no regrets
I will let this feeling die.

Il gusto del terrore

Uno schiavo di fronte la tua seduzione.
Spalancami la via verso la soave distruzione.
Prega per il tuo affetto.
Ancora do il benvenuto a questo ripudio.

Radilo al suolo
riducendolo in rovina.
Esso si ripresenta,
il gusto del terrore.

Quando scorgo il tuo volto,
esso mi perseguita.
Il gelido abbraccio ch’inganna,
Circondato dalla decadenza.

Diventa così semplice,
per qualcuno come te, mentire.
Sempre alla ricerca
d’un modo migliore per dire addio.

Ѐ arduo ascoltare
parole intrise d’odio
che tu sempre hai trascritto.
Tutte le esistenze ch’hai rapito.
Tutte le persone ch’hai abbandonato.

Radilo al suolo
riducendolo in rovina.
Esso si ripresenta,
il gusto del terrore.

Quando scorgo il tuo volto,
esso mi perseguita.
Il gelido abbraccio ch’inganna,
circondato dalla decadenza.

Diventa così semplice,
per qualcuno come te, mentire.
Sempre alla ricerca
d’un modo migliore per dire addio.
Il gusto del terrore,
l’unica cosa
che ti manda in estasi.
Senza remore
io lascerò appassire questo sentimento.

Quando scorgo il tuo volto,
esso mi perseguita.
Il gelido abbraccio ch’inganna,
circondato dalla decadenza.

Diventa così semplice,
per qualcuno come te, mentire.
(Mentire.)
Sempre alla ricerca
d’un modo migliore per dire addio.
Il gusto del terrore,
l’unica cosa
che ti manda in estasi.
(Ti manda in estasi!)
Senza remore
io lascerò appassire questo sentimento.

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 48 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .