The sabbath stones – Black Sabbath

The sabbath stones (Le pietre del sabba) è la traccia numero quattro del quindicesimo album in studio dei Black Sabbath, Tyr, pubblicato il 20 agosto del 1990.

Formazione dei Black Sabbath (1990)

  • Tony Martin – voce
  • Tony Iommi – chitarra
  • Neil Murray – basso
  • Cozy Powell – batteria
  • Geoff Nicholls – tastiere

Traduzione The sabbath stones – Black Sabbath

Testo tradotto di The sabbath stones (Martin, Iommi, Nicholls, Murray, Powell) dei Black Sabbath [I.R.S.]

The sabbath stones

Fire and water, wind and rain
Wings that carry hell in every vein
World possessions, endless tears
Truth and knowledge stolen all their years

World turns slowly, sun don’t shine
Silence still the air and kills the chime
Words are poison, passion bleeds
2000 years on earth has sown the seeds

The time of dreams has turned
The night is gone and light shines on
Where darkness once would hide
With spirits high, our fears were born

Receiver of light,
the kingdom of God will guide you
Keep you from a restless heart
Deceiver of night the stranger that laughs
Within you, the reason for your restless heart
Is the keeper of the Sabbath Stones

Fire and water, wind and rain
Wings that carry hell in every vein
World turns slowly, sun don’t shine
Silence still the air and kills the chime

Can faith destroy desire?
Each breath a prayer
Each step brings fear
The eyes of they that see
have evil stare
Watch over me

Receiver of light,
the kingdom of God will guide you
Keep you from a restless heart
Deceiver of night the stranger that laughs
Within you, the reason for your restless heart
Is the keeper of the Sabbath Stones

And He’s the keeper of the Sabbath Stones

What God is this that stands
to hear his people cry?
What hand would strike
and watch his people die?
What life that takes,
what future did we earn?
It’s our mistakes,
take need the Sabbath Stones
What life that takes,
what future did we earn?
It’s our mistakes

Le pietre del sabba

Fuoco ed acqua, vento e pioggia
Ali che portano l’inferno in ogni vena
Possedimenti del mondo, lacrime senza fine
verità e conoscenza rubati tutti questi anni

Il mondo gira lentamente, il sole non splende
Il silenzio placa l’aria e uccide l’armonia
Le parole sono veleno, la passione sanguina
Da duemila anni nel terreno ha piantato i semi

Il tempo dei sogni è cambiato
La notte è finita e la luce continua a brillare
Dove le tenebre una volta volevano nascondersi
con fantasmi antichi era nata la nostra paura

Il ricevitore della luce,
il regno di Dio ti guiderà
Tirandoti fuori da un cuore senza pace
L’ingannatore della notte, lo straniero che ride
Dentro dite, la ragione del cuore senza pace
è il custode delle Pietre del Sabba

Fuoco ed acqua, vento e pioggia
Ali che portano l’inferno in ogni vena
Possedimenti del mondo, lacrime senza fine
verità e conoscenza rubati tutti questi anni

Può il destino distruggere il desiderio?
Ogni respiro una preghiera
Ogni passo induce paura
Gli occhi di coloro che vedono
hanno uno sguardo malavigio
Vegliano su di me

Il ricevitore della luce,
il regno di Dio ti guiderà
Tirandoti fuori da un cuore senza pace
L’ingannatore della notte, lo straniero che ride
Dentro dite, la ragione del cuore senza pace
è il custode delle Pietre del Sabba

E lui è il custode delle Pietre del Sabba

Che Dio è questo che resta fermo
a sentire il suo popolo piangere?
Quale mano colpirebbe
e guarderebbe il suo popolo morire?
Quale vita che prende,
che futuro abbiamo guadagnato?
Sono i nostri errori,
fai attenzione alle Pietre del Sabba
Quale è la vita che cattura,
che futuro abbiamo guadagnato?
Sono i nostri sbagli

Tags: - 156 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .