Daggers of black haze – At the Gates

Daggers of black haze (Pugnali di foschia nera) è la traccia numero cinque del sesto album degli At the Gates, To Drink from the Night Itself, pubblicato il 18 maggio del 2018. [♫ video ufficiale ♫]

Formazione At the Gates (2018)

  • Tomas Lindberg − voce
  • Jonas Stålhammar − chitarra
  • Martin Larsson − chitarra
  • Jonas Björler − basso
  • Adrian Erlandsson − batteria

Traduzione Daggers of black haze – At the Gates

Testo tradotto di Daggers of black haze (Lindberg) degli At the Gates [Century]

Daggers of black haze

Masked in merciful weakness
A tribute of ritual prey
The frozen surface cracks
Dressed in iconic grace

Bottomless the void veiled in smoke
Floods the pit of dreams
The martyrdom of perfection
A phantom construction dead

The anesthesia of repetition
Let monotony and isolation reign
Will out persistence fade like daggers
Daggers of black haze

Mute now, the anthems and dogmas
Cynicism reproduced
The reliefs watch unseen
In winding and rigid shapes

An ideology solidified
The fragments lost in time
From within inaccessible walls
Their elitism starves us blind

Unending eyes, they watch unseen
starving for themselves in me

Masked in merciful weakness
A tribute of ritual prey
The frozen surface cracks

Mute now, the anthems and dogmas
Cynicsm reproduced
The reliefs watch unseen

Will out persistence fade like daggers
Daggers of black haze
Daggers of black haze
Daggers of black haze

Pugnali di foschia nera

Mascherato nella debolezza misericordiosa
Un omaggio alla preda rituale
La superficie gelata si incrina
Vestita con grazia iconica

Senza fine il vuoto velato di fumo
Inonda la fossa dei sogni
Il martirio della perfezione
Una costruzione fantasma morta

L’anestesia della ripetizione
Lascia che monotonia e isolamento regnino
La persistenza svanirà come pugnali
Pugnali di foschia nera

Muti ora, gli inni e i dogmi
Scetticismo riprodotto
I sostituti guardano senza essere visti
In forme sinuose e rigide

Un’ideologia solidificata
I frammenti persi nel tempo
Dall’interno di mura inaccessibili
Il loro elitarismo ci rende ciechi

Occhi senza fine, osservano non visti
morendo di fame in me

Mascherato nella debolezza misericordiosa
Un omaggio alla preda rituale
La superficie gelata si incrina

Muti ora, gli inni e i dogmi
Scetticismo riprodotto
I sostituti guardano senza essere visti

La persistenza svanirà come pugnali
Pugnali di foschia nera
Pugnali di foschia nera
Pugnali di foschia nera

Cosa ne pensi?
[Totale: 0 Media: 0]

Ti potrebbero piacere anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *