Dwell in the insanity – Happy Days

Dwell in the insanity (Dimorare nella follia) è la traccia che apre il quinto album degli Happy Days, Save Yourself, pubblicato il 25 agosto del 2016.

Formazione Happy Days (2016)

  • A. Morbid – voce, chitarra, basso
  • Devastation – batteria

Traduzione Dwell in the insanity – Happy Days

Testo tradotto di Dwell in the insanity (A. Morbid) degli Happy Days [Talheim Records]

Dwell in the insanity

Unveil the curtain of uncertainty
Cast out the first born son
Consumed by the hate of ferocity
As my life remains undone
The path I dwell in was meant for me
Unable to change its course
I drown my sorrows in the wretched sea
Before the pain gets worst…

Losing what’s left of such reveries
Extracting my final thoughts
Watching the world fall to travesty
Helpless I choke and breathe
Wanting to achieve total apathy
To avoid the shame of despondency
Cities crash and burn from atrocities
Nothing left for me but agony…

Walking through these empty streets
I feel the dread of all…
Where they once have stood in the past
Is now a haunting hall
The rain resumes the endless stream
And piercing through each stone
It burns my flesh and rots my soul
My wounds reopen and bleed

Each day I wake and die inside
From all the things I’ve seen
I let the tides take over me
In hopes I cease to be
Too late to cure my ignorance
As I watch our species fall
Wishing to save what’s left from this
Before we’re dead and gone…

Nothing left for me but tragedies
Nothing left for me but everlasting suffering…

I hear their voices
and all the anguish they feel
But it’s too late for them to come alive
It’s useless to try and fix the rest
All this time I believe
that hope would shine
Yet I make the ruins
as the void consumes my soul
And the silence remains eternally…

Dimorare nella follia

Svela la tenda dell’ incertezza
Caccia via il primo figlio nato
Consumato dall’odio della ferocia
nel modo in cui la mia vita rimane incompiuta
Il percorso che facevo era importante per me
Incapace di cambiare il suo percorso
Affogo i miei dolori nel mare dell’ infelicità
Prima che il dolore peggiori…

Perdendo ciò che resta di tali fantasticherie
Estraendo i miei pensieri finali
Guardando il mondo cadere in una farsa
indifeso, soffoco e respiro
desiderando di raggiungere l’apatia totale
Per evitare la vergogna dello sconforto
le Città cadono e bruciano dall’atrocità
Nient’altro per me, solo agonia…

camminando lungo queste strade vuote
Sento il terrore di tutti …,
Dove loro abitualmente stavano in passato,
è ora una sala inquietante.
La pioggia riprende il suo flusso infinito,
E penetra attraverso ogni pietra;
Brucia la mia carne e marcisce la mia anima.
Le mie ferite si riaprono e sanguinano.

Ogni giorno mi sveglio e muoio dentro
per tutte le cose che ho visto.
Ho lasciato che le maree mi prendessero.
Nella speranza, cesso di essere (esistere).
E’ Troppo tardi per curare la mia ignoranza,
Mentre guardo la nostra specie decadere.
Desiderando di salvare ciò che rimase
Prima che noi morissimo…

Nient’altro per me, solo tragedie
Nient’altro per me, solo sofferenza eterna…

Sento le loro voci
e tutta l’angoscia che provano
Ma è troppo tardi per loro per ritornare vivi
È inutile cercare di risolvere il resto
Per tutto questo tempo ho creduto
che la speranza sarebbe brillata
Eppure io faccio sbagli nel modo
in cui il vuoto consuma la mia anima
E il silenzio rimane eterno…

* traduzione inviata da dahlia zozo

Tags: - Visto 39 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .