Never satisfied – Tygers Of Pan Tang

Never satisfied (Mai soddisfatta) è la traccia numero tre del terzo album dei Tygers Of Pan Tang, Crazy Nights pubblicato nel novembre del 1981.

Formazione Tygers Of Pan Tang (1981)

  • Jon Deverill – voce
  • Robb Weir – chitarra
  • John Sykes – chitarra
  • Richard Laws – basso
  • Brian Dick – batteria

Traduzione Never satisfied – Tygers Of Pan Tang

Testo tradotto di Never satisfied (Deverill, Weir, Sykes, Laws, Dick) dei Tygers Of Pan Tang [MCA]

Never satisfied

I met her in a night club
Looking so obscene
I never seen a woman
Move like her before
I need it
Could you believe it
Is what she said
If you wanna play
Then come my way
I’ll show you lots of thing
You’ve never done before
I swear
I declare
She took me by surprise

She’s never satisfied
Never satisfied
I know cause I tried
She’s never satisfied
She’s one of a kind
She’s never satisfied
She’s got bites
She’s never satisfied
Never satisfied
I know ‘cause I tried
Yeah oh I tried

So I went back
To her trendy flat
I didn’t know
What I had let myself in for
My my it ain’t no lie
She wanted more and more
Said I got this fire
Called desire
You started the flames
And now must put it out for me
Oh baby, I ain’t lazy
But I’ve nothing left to give

When she let me go
I crawled back home
The phone started ringing
It was her again
Hey, honey, do you love me
Was what she asked
So come on round tonight
For anoter bite
You can imagine how I felt
After the night I’d spent
Oh baby I can’t take any more

Mai soddisfatta

L’ho incontrata in un night club
Dall’aspetto così osceno
Non ho mai visto una donna
Muoversi come lei prima
Ne ho bisogno
Potresti crederci
È quello che ha detto
Se vuoi giocare
Allora vieni per la mia strada
Ti faccio vedere un sacco di cose
Che non hai mai fatto prima
Giuro
Affermo che
Lei mi ha colto di sorpresa

Lei non è mai soddisfatta
Mai soddisfatta
Lo so perché l’ho provato
Lei non è mai soddisfatta
Lei è unica nel suo genere
Lei non è mai soddisfatta
Ha mordente
Lei non è mai soddisfatta
Mai soddisfatta
Lo so perche l’ho provato
Yeah oh l’ho provato

Così tornai
Nel suo appartamento alla moda
Non sapevo
In ciò che mi ero cacciato
La mia la mia non è una bugia
Lei voleva sempre più e di più
Ha detto: ho questo fuoco
Chiamato desiderio
Tu hai acceso le fiamme
E ora devi spegnerle per me
Oh piccola, non sono pigro
Ma non ho nulla da dare

Quando lei mi lasciò andare
Tornai a casa
Il telefono cominciò a squillare
Era di nuovo lei
Ehi tesoro tu mi ami?
Era quello che chiese
Allora vieni a fare un giro stasera
Per un altro assaggio
Potete immaginare come mi sentivo
Dopo la notte che avevo passato
Oh piccola io non ne posso più

* traduzione inviata da Giampaolo

Tags: - 84 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .