Arrows fly – Edguy

Arrows fly (Volano le frecce) è la traccia numero sette del quarto album degli Edguy, Theater of Salvation, pubblicato il 27 gennaio del 1999.

Formazione Edguy (1999)

  • Tobias Sammet – voce, tastiera
  • Jens Ludwig – chitarra
  • Dirk Sauer – chitarra
  • Tobias Exxel – basso
  • Felix Bohnke – batteria

Traduzione Arrows fly – Edguy

Testo tradotto di Arrows fly (Sammet) degli Edguy [AFM]

Arrows fly

Faking the truth in their eyes
Smile but they really deride
Never give you shelter
Lady all alone, naked to the bone
Make you bleed and melt into tears

Down on your knees you will see
What you could be
Raise the power in your eyes
Make us rise
to make us say

Down and alone arrows fly
Breaking on my soul
Down and alone arrows fly
I remember times
When arrows hit me
causing pain
All alone I’ve found my soul
And now my soul is sane

The night has come down on the land
I wanna reach out for her land
But she takes another
Lonesome in my room,
staring at the moon
Treated like a bother

Down on my knees I have seen
What I can be
Raise the power in my eyes
Makes me rise
to make me say

Down and alone arrows fly
Breaking on my soul
Down and alone arrows fly
I remember times
When arrows hit me
causing pain
All alone I’ve found my soul
And now my soul is sane

Down and alone arrows fly
Breaking on my soul
Down and alone arrows fly
I remember times
When arrows hit me
causing pain
All alone I’ve found my soul
And now my soul is sane

(…isn’t loneliness
a good reason to become
acquainted with yourself?
And when you’re down and out,
aren’t you compelled to face yourself?
And, if you know yourself,
can the arrows of the world
outside hurt you anymore?…)

Volano le frecce

Fingendo l’opinione verace davanti ai suoi occhi
Sorridile sebbene essi ti canzonino a squarciagola
Non permetter che qualcuno si faccia tuo scudo
Una fanciulla tutta sola, nuda sino all’osso
Ti ferisce a sangue e ti riduce in lacrime

Sciolto alle ginocchia finalmente scorgerai
Cosa avrebbe potuto diventare
Infiamma i tuoi occhi di potere
Aiutaci a rialzarci affinchè
tu ci dia il potere di parlare

Basse e in solitaria volano le frecce
Trafiggendo l’anima mia
Basse e in solitaria volano le frecce
Rimembro i momenti
Quando le frecce mi colpirono
causandomi dolore
Io solo scovai il mio spirito
Ed ora la mia anima è sanata

Scende la sera lungo tutta la valle
Voglio aprire le braccia al cielo per la sua terra
Ma ella s’è scelta un’altro
Solitario nella mia stanza,
fissando pensieroso la luna
Trattato come una seccatura

Sciolto alle ginocchio finalmente ho visto
Ciò che posso diventare
Infiamma i miei occhi di potere
Ci aiuta a rialzarci affinchè
mi dia il potere di parlare

Basse e in solitaria volano le frecce
Trafiggendo l’anima mia
Basse e in solitaria volano le frecce
Rimembro i momenti
Quando le frecce mi colpirono
causandomi dolore
Io solo scovai il mio spirito
Ed ora la mia anima è sanata

Basse e in solitaria volano le frecce
Trafiggendo l’anima mia
Basse e in solitaria volano le frecce
Rimembro i momenti
Quando le frecce mi colpirono
causandomi dolore
Io solo scovai il mio spirito
Ed ora la mia anima è sanata

(…Non è forse la solitudine
una buona ragione per diventar
conscio con te stesso?
E quando tu sei mesto e lontano dalla patria,
non sei forse sottomesso ad affrontar te stesso?
E, se del ver conosci te stesso,
posson forse le frecce del mondo
esterno ferirti più in alcun modo?…)

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 97 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .