A feast for the vain – Kamelot

A feast for the vain (Un banchetto per la vanità) è la traccia numero dieci del sesto album dei Kamelot, Epica, pubblicato il 4 febbraio del 2003.

Formazione Kamelot (2003)

  • Roy Khan – voce
  • Thomas Youngblood – chitarra
  • Glenn Barry – basso
  • Casey Grillo – batteria

Traduzione A feast for the vain – Kamelot

Testo tradotto di A feast for the vain (Khan, Youngblood, Barry, Grillo) dei Kamelot [Noise]

Interlude III (At the banquet)

[Ariel]
His invitation was clear
I shut my eyes… and now I’m here

[Master of Cerimonies]
Please make way,
our host is making his entree

Interludio III – Al banchetto

[Ariel]
Il suo invito era chiaro
Ho chiuso gli occhi… e ora sono qui

[Maestro cerimoniere]
Per favore, fate passare:
Il nostro ospite sta facendo il suo ingresso

A feast for the vain

[Mephistopheles]
Everyone is here
The feast can soon begin
Vanity we celebrate
My favourite of sins

[Ariel]
Chandeliers so grand
That heaven sees the shine
And my friend declares
Everything I look
at could be mine
It’s a miracle
Life till now has been a waste
You have proved to me
By your hand I’m truly graced
Unbelievable
Gold and glitter blinding me
So adorable
All these women from my fantasies

[Mephistopheles]
Come with me my little ones
Let’s revel for the free
Raise your glass and praise the fact
How easy life can be

[Ariel]
In the splendour of the night
I’ve found company
Once again I feel that life’s begun
All the wrongs seem to be right
Drowned in ecstasy
Every star is like a newborn sun

May the life
I knew be gone
I accept the deed
But one point we have to modify
If I wish to linger on
In a state of still
Only then I’m yours the day I die

Un banchetto per la vanità

[Mefistofele]
Sono tutti qui
Il banchetto può cominciare presto
Celebriamo la vanità
Il mio favorito dei peccati

[Ariel]
Lampadari così imponenti
Che il cielo li vede brillare
E il mio amico afferma
Che tutto quel che vedo
potrebbe essere mio
È un miracolo
La vita sino ad ora è stata uno spreco
Mi hai dimostrato che
Per mano tua sono davvero adornata
Incredibile
Oro e splendore che mi accecano
Così adorabili
Tutte queste donne dalle mie fantasie

[Mefistofele]
Venite con me, miei piccoli,
Festeggiamo per la libertà
Sollevate i bicchieri e elogiate il fatto
Di quanto la vita possa essere facile

[Ariel]
Nello splendore della notte
Ho trovato compagnia
Ancora una volta sento che la vita è iniziata
Tutte gli sbagli sembrano essere corretti
Annegati nell’estasi
Ogni stella è come un sole appena nato

Possibile che la vita
che conoscevo se ne sia andata?
Accetto il patto
Ma dobbiamo modificare un punto
Se desidererò indugiare
In uno stato di quiete
Solo allora sarò tua, il giorno che morirò

Tags: - 68 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .