Hail to the King – Sabaton

Hail to the King (Gloria al Re) è la traccia numero sette dell’album di debutto dei Sabaton, Fist for Fight pubblicato nel 2000. L’album d’esordio venne poi ristampato e inserito nell’album Metalizer del 2007.

Formazione Sabaton (2007)

  • Joakim Brodén – voce
  • Rickard Sundén – chitarra
  • Oskar Montelius – chitarra
  • Pär Sundström – basso
  • Daniel Mullback – batteria
  • Daniel Mÿhr – tastierista

Traduzione Hail to the King – Sabaton

Testo tradotto di Hail to the King dei Sabaton [Underground Symphony]

Hail to the King

Once we lived in harmony,
but it seems so distance now.
Even though it wasn’t long ago,
were all doomed
to plague and death.
Working hard from dawn ’til dusk.
But that ain’t enough for him
Product of unholy love,
untrue brother of a king.

Know that you’ll fail, now hear us hail
Your brother that you killed.

Hail to the king that brought peace to us all.
Rise from your grave, hear our call.
We’ll not forget that you once saved our land.
Killed by your own brothers hand.

Pure evil and cruelty,
the true nature of your soul
Mercy and responsibility,
words that you can’t understand.
Your quest for total control
will only end in your own fall.
We’ will fight for our freedom,
and our right to live.

Do it your way, soon you will pay
Debts with your own blood.

Stars so bright, dance in the night
Day come soon, hide the moon
Stars so bright dance in the night
Day come soon, killing the moon

Morning breaks it’s time to march,
to the castle of betrayal.
Bring your sword, wield your armour,
we won’t take this anymore.
Kill the tyrant he must die,
for his falseness and his crimes.
Strike him down, and slay his guards,
and his ministers as well.

Do it your way, soon you will pay
Debts with your own blood.

Gloria al Re

Una volta vivevamo in armonia
ma ora quel tempo sembra così lontano.
Anche se non è stato molto tempo fa,
in cui siamo stati condannati
alla peste e alla morte
Lavorando duramente dall’alba fino al tramonto
Ma non è stato abbastanza per lui
Prodotto di amore profano,
falso fratello di un re.

Lo so che cadrai, adesso ascoltaci acclamare
tuo fratello che hai ucciso

Gloria al re che ci portò la pace
Risorgi dalla tomba, ascolta il nostro richiamo
Non dimentichiamo che salvasti la nostra terra
Ucciso dalle mani del tuo stesso fratello

Pura malvagità e crudeltà
la vera natura della tua anima
Misericordia e responsabilità,
parole che tu non puoi capire
La tua ricerca per il dominio
finirà con la tua caduta
Combatteremo per la nostra libertà,
e il nostro diritto a vivere

Fai a modo tuo, presto pagherai
i debiti con il tuo stesso sangue

Stelle così luminose, danzano nella notte
Il giorno arriverà presto, nascondendo la luna
Stelle così luminose danzano nella notte
Il giorno arriverà presto, uccidendo la luna

È arrivato mattino, è tempo di marciare
verso il castello del tradimento.
Portate le spade, vestite la vostra armatura
non accetteremo più la situazione
Uccidiamo il tiranno, deve morire
per la sua falsità e i suoi crimini.
Abbattetelo, e uccidete le sue guardie
e pure i suoi ministri

Fai a modo tuo, presto pagherai
i debiti con il tuo stesso sangue

Tags: - 553 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .