The house – Grave Digger

The house (La casa) è la traccia numero sei del decimo album dei Grave Digger, The Grave Digger pubblicato il 22 ottobre del 2001. Il brano si ispira al racconto di Edgar Allan Poe La caduta della casa degli Usher.

Formazione Grave Digger (2001)

  • Chris Boltendahl – voce
  • Manni Schmidt – chitarra
  • Jens Becker – basso
  • Stefan Arnold – batteria
  • HP Katzenburg – tastiere

Traduzione The house – Grave Digger

Testo tradotto di The house (Boltendahl, Becker, Schmidt) dei Grave Digger [Nuclear Blast]

The house

I’m riding through the night,
a friend has called me
I see the moonless sky,
the stars shine bright
The house before me,
fog hangs over
I’m standing there alone in the dark

I ring the bell
He opens the door
He looks like death
No shadow on the floor

It seems life’s gone out of his body
And madness has now taken control

Pale and grey
A weird mind
His sister is dead
And I’m so blind

Deep in the house
She’s lying there
This bird of happiness
With long black hair

Silent screams out of the distance
It seems the walls would talk to me
Whispering voices out of the grave
It seems the house can’t set me free

Horror running through my veins
As I see my friend going insane

Pale and grey
He’s standing there
Scratching and moaning,
Disturbing the air

He knows that he buried his sister alive
But as he sees her he knows that he’ll die

Silent screams out of the distance
It seems the walls would talk to me
Whispering voices out of the grave
It seems the house can’t set me free

And it’s burning…

La casa

Sto camminando nella notte,
un amico mi ha chiamato
Vedo il cielo privo della luna,
le stelle sono così luminose
La casa che mi è davanti,
è sovrastata dalla nebbia
Sono qui, solo nell’oscurità

Suono il campanello
Lui apre la porta
Il suo volto assomiglia alla morte
Non c’è nessuna ombra sul pavimento

È come se non vi sia vita nel suo corpo
E che la follia ne abbia preso il controllo

Pallido e grigio
Una mente misteriosa
Sua sorella è morta
Ed io sono così confuso

Lei giace
nelle profondità della casa
Questa nascita così felice
Con lunghi capelli neri

Urla silenziose in distanza
È come se i muri volessero parlarmi
Dei sussurri escono dalla tomba
È come se la casa non volesse liberarmi

L’orrore scorre nelle mie vene
Mentre vedo il mio amico impazzire

Pallido e grigio
Lui è fermo lì
Si graffia e si lamenta
Disurbando l’aria

Sa che è stato lui a seppellire viva la sorella
Ma sa che come appena la vedrà, lui morirà

Urla silenziose in distanza
È come se i muri volessero parlarmi
Dei sussurri escono dalla tomba
È come se la casa non volesse liberarmi

E sta bruciando…

* traduzione inviata da Fra

Tags:, - 38 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .