Rein – Katatonia

Rein (Briglia) è la traccia numero quattro dell’undicesimo album dei Katatonia, City Burials, pubblicato il 24 aprile del 2020.

Formazione Katatonia (2020)

  • Jonas Renkse – voce
  • Anders Nyström – chitarra
  • Roger Öjersson – chitarra
  • Niklas Sandin – basso
  • Daniel Moilanen – batteria

Traduzione Rein – Katatonia

Testo tradotto di Rein dei Katatonia [Peaceville Records]

Rein

Erased my plan
Had nothing better to do
Hollow sky
Dead to our collective eye
No rebellion
No hostility inside
Just indifference
A bit of quiet
And a slow descending curve
To keep you dreaming yeah
Of consolation

You drink my words
in the wake of your sorrow
You walk beside me
and it feels like a hundred years
The plans you make
for the perpetual tomorrow
Will be collapsing still

This time I’m losing the battle
There are too many things to overcome

I seek respite
The comfort of apathy
Burial time
Submit to the non-divine

Did you see
The soot in my eyes
The long night
The spiralling lights
I’m so tired
The scars in my mind
It didn’t end well
But you had me on fire

You drink my words
in the wake of your sorrow
You walk beside me
and it feels like a hundred years
The plans you make
for the perpetual tomorrow
Will be collapsing still

You drink my words
in the wake of your sorrow
You walk beside me
and it feels like a hundred years
The plans you make
for the perpetual tomorrow
Will be collapsing still

Briglia

Ho cancellato il mio piano
Non avevo niente di meglio da fare
Cielo vuoto
Morto al nostro occhio comune
Nessuna ribellione
Nessuna ostilità interiore
Solo indifferenza
Un poco di silenzio
E una lenta curva discendete
Per continuare a farti sognare, yeah
di consolazione

Ti bevi le mie parole
nella scia del tuo dolore
Cammini accanto a me
e sembra siano cento anni
I piani che fai
per il domani perpetuo
crolleranno ancora

Questa volta sto perdendo la battaglia
Ci sono troppe cose da superare

Cerco tregua
Il conforto dell’apatia
Tempo di sepoltura
Sottomettiti al non divino

Hai visto
la fuliggine nei miei occhi
La lunga notte
Le luci a spirale
Sono davvero stanco
Le cicatrici della mia mente
Non è finita bene
Ma mi hai dato fuoco

Ti bevi le mie parole
nella scia del tuo dolore
Cammini accanto a me
e sembra siano cento anni
I piani che fai
per il domani perpetuo
crolleranno ancora

Ti bevi le mie parole
nella scia del tuo dolore
Cammini accanto a me
e sembra siano cento anni
I piani che fai
per il domani perpetuo
crolleranno ancora

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

??!