The rise of Hannibal – Ex Deo

The rise of Hannibal (L’ascesa di Annibale) è la traccia che apre il terzo album degli Ex Deo, The Immortal Wars, pubblicato il 24 febbraio del 2017.

Formazione Ex Deo (2017)

  • Maurizio Iacono – voce
  • J-F Dagenais – chitarra
  • Stéphane Barbe – chitarra
  • Dano Apekian – basso
  • Oli Beaudoin – batteria

Traduzione The rise of Hannibal – Ex Deo

Testo tradotto di The rise of Hannibal degli Ex Deo [Napalm Records]

The rise of Hannibal

Hear sounds of a distant time
Echoing voices of ancient tyrants
Hamilcar, son of Carthage,
Bestow the seed of the lion broods

From this day, one will rise; many will fall
To seek the throne – the throne of sand.

Thy perilous nations,
tremble at the hands of your enemy
I’ve sealed your fate, in dreams far away

Oh let the sun shine upon you
Rise my son, avenge your father
For this glory is built in fire

"Father, on this day I promise
to never be a friend of Rome,
to treat them as a mortal enemy.
This promise I make with my blood.
I am the son of Carthage, and let
the blood of Rome flow in the oceans of war."

Feel the might of Carthage
The power of a thousand spears descending
Beasts crushing the skulls of the enemy
Eternal storms ascend

In honor of my father,
we shall rise again. Again!

There’s no place to die
There’s no end in sight
There’s only pain, only death,
only one shall reign
Forgotten legends…
lay among the wasted lands
King of all kings, merciless
Descend upon thee, warriors of the sands

Fear me, for I am Hannibal!

L’ascesa di Annibale

Ascolta i suoni di un tempo lontano
Riecheggiano voci di antichi tiranni
Amilcare, figlio di Cartagine
Conferisci il seme dei cuccioli del leone

Da questo giorno, uno salirà, molti cadranno
Alla ricerca del trono, il trono di sabbia

Le tue nazioni pericolose,
tremano per mano del tuo nemico
Ho determinato il tuo destino nei sogni lontani

Oh lascia che il sole brilli su di te
Sorgi figlio mio, vendica tuo padre
Perché questa gloria è costruite nel fuoco

"Padre, oggi prometto
di non essere mai amico di Roma
di trattarli come un nemico mortale.
Una promessa che faccio con il mio sangue.
Io sono il figlio di Cartagine e lascerò che
il sangue di Roma scorra negli oceani di guerra"

Senti la potenza di Cartagine
La potenza di mille lance che scendono
Le bestie frantumano i teschi dei nemici
Salgono eterne tempeste

In onore di mio padre
noi risorgeremo di nuovo. Di nuovo!

Non c’è posto dove morire
Non c’è nessun fine in vista
C’è solo dolore, solo morte
sono uno potrà regnare
Leggende dimenticate…
giacevano tra le terre desolate
Re dei re, senza pietà
Discendono su te, guerrieri delle sabbie

Devi temermi perché io sono Annibale!

Tags:, - Visto 169 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .