Gods of war arise – Amon Amarth

Gods of war arise (Gli Dei della guerra insorgono) è la traccia numero cinque del sesto album degli Amon Amarth, With Oden on Our Side, pubblicato il 22 settembre del 2006.

Formazione Amon Amarth (2006)

  • Johan Hegg – voce
  • Olavi Mikkonen – chitarra
  • Johan Söderberg – chitarra
  • Ted Lundström – basso
  • Fredrik Andersson – batteria

Traduzione Gods of war arise – Amon Amarth

Testo tradotto di Gods of war arise degli Amon Amarth [Metal Blade]

Gods of war arise

Darkness flees the rising sun
The village lies ahead
It will wake to a new day soon
Soon they’ll all be dead

We came in cover of moonless night
Fifty men at arms
Now at first morning light
The church bell sounds the alarm

Sacrifice to Gods of old
Bleed them of their lives
Fresh blood on our swords
Gods of war arise
Sacrifice to Gods of old
Bleed them of their lives
Fresh blood on our swords
Gods of war arise

Hear the tortured screams
Shattering the air
They awake from soothing dreams
Into their worst nightmare

Fire sweeps their homes
They feel the dragon’s breath
Consuming and destructive flames
Agonising death

Some seek shelter in the church
A refuge for those with faith
But we know how to smoke them out
A pyre will be raised

But those who choose to stand and fight
Will die with dignity
For the unfortunate few who survive
Waits a life in slavery

The day draws to an end
The night comes dark and cold
We return to our ships
With silver, slaves and gold

We gave them agony
As they fell and die
The Gods have granted victory
For our sacrifice

Gli Dei della guerra insorgono

L’oscurità fugge dal sole nascente
Il villaggio è lì davanti
Presto si sveglierà per un nuovo giorno
Presto saranno tutti morti

Arrivammo coperti da una notte senza luna
Cinquanta uomini armati
Ora alla prima luce del mattino
Le campane della chiesa suoneranno l’allarme

Sacrificio agli antichi Dei
Termina la loro vita
Sangue fresco sulle nostre spade
Gli Dei della guerra insorgono
Sacrificio agli antichi Dei
Termina la loro vita
Sangue fresco sulle nostre spade
Gli Dei della guerra insorgono

Senti le urla per le torture
Che sconquassano l’aria
Si risvegliano dai sogni confortanti
E si ritrovano catapultati nel loro peggior incubo

Il fuoco spazza le loro case
Sentono il respiro del dragone
Fiamme distruttive consumano
La tormentata morte

Alcuni cercano riparo nella chiesa
Un rifugio per coloro che hanno fede
Ma sappiamo come neutralizzarli
Presto verrà innalzata una pira

Ma coloro che scelgono di restare e combattere
Moriranno con dignità
Per quei pochi sfortunati che sopravvivono
Li attende una vita di schiavitù

Il giorno si avvicina alla fine
Giunge la notte nera e fredda
Ritorniamo alle nostre navi
Con oro, argento e schiavi

Abbiamo dato loro tormento
Mentre cadevano e morivano
Gli Dei hanno concesso la vittoria
Per il nostro sacrificio

Tags:, - 361 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .