Invisible wounds (dark bodies) – Fear Factory

Invisible wounds (dark bodies) (Ferite invisibili – tetri corpi) è la traccia numero sei del quarto album dei Fear Factory, Digimortal, pubblicato il 24 aprile del 2001.

Formazione Fear Factory (2001)

  • Burton C. Bell – voce
  • Dino Cazares – chitarra
  • Christian Olde Wolbers – basso
  • Raymond Herrera – batteria

Traduzione Invisible wounds (dark bodies) – Fear Factory

Testo tradotto di Invisible wounds (Bell. Cazares, Wolbers, Herrera) dei Fear Factory [Roadrunner]

Invisible wounds (dark bodies)

Dark bodies floating in darkness
No sign of light ever given
Imprisoned in a world without a memory

Unconscious, or am I conscious?
Cut from the heart I am part of
Sometimes I feel as though
I’m frozen in heaven

And I saw my own face
In the dark and loneliness
And I saw my own face
Like a spark frozen in heaven

In dreams I see myself flying
Closer to the sun and I’m climbing
Tried to touch the sun
But the brightness burned my eyes

Unconscious, or am I conscious?
Fell from the sky like a star
Sometimes I feel as though
I’m frozen in heaven

And I saw my own face
In the dark and loneliness
And I saw my own face
Like a spark

Dark!
Dark!
Dark!
My life was so dark!
Dark!
Dark!
My mind was so dark!
Dark!
Dark!
My life was so dark!
Dark!
Dark!
Everything was dark…

Unconscious, or am I conscious?
Fell from the sky like a star
Sometimes I feel as though
I’m frozen in heaven

And I saw my own face
In the dark and loneliness
And I saw my own face
Like a spark frozen in heaven

(Dark…)
Dark bodies floating in darkness
(Dark…)
Dark bodies floating in darkness
(Dark…)
Dark bodies floating in darkness
(Dark…)
Dark bodies floating in darkness
(Dark…)
Dark bodies floating in darkness
(Dark…)
Dark bodies floating in darkness
(Dark…)
Dark bodies floating in darkness

Ferite invisibili (tetri corpi)

Tetri corpi sguazzano nelle tenebre
Non v’è un solo segno di luce rappreso
Imprigionato in un universo senza una memoria

Inconscio, o son conscio?
Tagliato fuori dal cuore di cui faccio parte
A volte mi sento come se
fossi congelato in paradiso

E scorsi il mio stesso volto
Nel buio e nella solitudine
E scorsi il mio stesso volto
Come una scintilla congelata in paradiso

Nei sogni vedo me stesso volare
Sempre più vicino al sole e tendo a salire
Tentai di toccare il sole
Ma il bagliore arse i miei occhi

Inconscio, o son conscio?
Tagliato fuori dal cuore di cui faccio parte
A volte mi sento come
se fossi congelato in paradiso

E scorsi il mio stesso volto
Nel buio e nella solitudine
E scorsi il mio stesso volto
Come una scintilla

Buia!
Buia!
Buia!
La mia vita era così buia!
Buia!
Buia!
La mia mente era così buia!
Buia!
Buia!
La mia vita era cosi buia!
Buia!
Buia!
Ogni cosa era buia…

Inconscio, o son conscio?
Tagliato fuori dal cuore di cui faccio parte
A volte mi sento come se
fossi congelato in paradiso

E scorsi il mio stesso volto
Nel buio e nella solitudine
E scorsi il mio stesso volto
Come una scintilla congelata in paradiso

(Tetri…)
Tetri corpi sguazzano nelle tenebre
(Tetri…)
Tetri corpi sguazzano nelle tenebre
(Tetri…)
Tetri corpi sguazzano nelle tenebre
(Tetri…)
Tetri corpi sguazzano nelle tenebre
(Tetri…)
Tetri corpi sguazzano nelle tenebre
(Tetri…)
Tetri corpi sguazzano nelle tenebre
(Tetri…)
Tetri corpi sguazzano nelle tenebre

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 203 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .