La canción del pirata – Tierra Santa

La canción del pirata è la traccia numero quattro del terzo album dei Tierra Santa, uscito nel 2000. Il testo della canzone è il famoso poema La Canción del pirata del poeta spagnolo José de Espronceda (23/03/1808-23/05/1842).

Formazione dei Tierra Santa (2000)

  • Ángel San Juan – voce, chitarra
  • Arturo Morras – chitarra
  • Roberto Gonzalo – basso
  • Iñaki Fernández – batteria
  • Paco – tastiere

Traduzione La canción del pirata – Tierra Santa

Testo tradotto di La canción del pirata dei Tierra Santa [Locomotive Records]

La canción del pirata

Con diez cañones por banda
Viento en popa a toda vela
No corta el mar si no vuela
Un velero bergantín

Bajel pirata que llaman
Por su brabura el temido
En todo el mar conocido
Del uno al otro confín

La luna en el mar riela
Y en la lona gime el viento
Y alza en blando movimiento
Olas de plata y azul

Y ve el capitán pirata
Cantando alegre en la popa
Asia a un lado, al otro Europa
Y allá a su frente Estambul

Navega velero mío
Sin temor que ni enemigo navío
Ni tormenta ni bonanza
Tu rumbo a torcer alcanza
Ni a sujetar tu valor

Veinte presas hemos hecho
A despecho del inglés
Y han rendido sus pendones
Cien naciones a mis pies

Que es mi barco mi tesoro
Que es mi dios mi libertad
Mi ley la fuerza y el viento
Mi única patria la mar

Allá muevan feroz guerras
Ciegos reyes, por un palmo más de tierra
Que yo tengo aquí por mío
Cuanto abarca el mar bravío

A quien nadie impuso leyes
Y no hay playa sea cualquiera
Ni bandera de esplendor
Que no sienta mi derecho
Y de pecho a mi valor

Que es mi barco mi tesoro
Que es mi dios mi libertad
Mi ley la fuerza y el viento
Mi única patria la mar

A la voz de barco viene
Es de ver como bira y se previene
A todo trapo escapar
Que yo soy el rey del mar

Y mi furia has de temer
En las presas yo divido
Lo cogido por igual
Solo quiero por riqueza
La belleza sin rival

Sentenciado estoy a muerte
Yo me rio, no me abandoné a la suerte
Y al mismo que me condena
Colgaré de alguna antena

Quizá de su propio navío
Y si caigo ¿qué es la vida?
Por perdida ya la dí
Cuando el yugo del esclavo
Como un bravo sacudí

Son mi música mejor
Aquilones el estrépito y temblor
De los cables sacudidos
Del negro mar los bramidos

Y el rugir de mis cañones
Y del trueno al son violento
Y del viento al rebramar
Yo me duermo sosegado
Arrullado por el mar

Que es mi barco mi tesoro
Que es mi dios mi libertad
Mi ley la fuerza y el viento
Mi única patria la mar

La canzone del pirata

Con dieci cannoni per lato
vento in poppa a vele spiegate
non solca il mare, ma vola
un veliero brigantino

Battello pirata che chiamano
per il suo valore Il temuto
conosciuto in tutti i mari
da un confine all’altro

La luna si riflette sul mare
sulla vela geme il vento
ed alza un leggero movimento
onde d’argento e d’azzurro

E vede il capitano pirata
cantando allegro a poppa
l’Asia da una parte, dall’altra l’Europa
e là di fronte Istanbul

Naviga, mio veliero,
senza timore che né nave nemica
né tempesta, né bonaccia
possano cambiare la tua rotta
né fermare il tuo coraggio

Venti prede abbiamo fatto
A dispetto degli inglesi
E cento nazioni hanno ammainato
le loro bandiere ai miei piedi

La mia nave è il mio tesoro
Il mio Dio è la mia libertà
la mia legge, la forza e il vento
La mia unica patria, il mare

Laggiù è scoppiata una guerra feroce
Re ciechi, per una piccola parte di terra
Mentre io tengo per me
quanto il mare selvaggio abbraccia

Qui nessuno impose leggi
E non c’è lido, qualunque sia
né bandiera di valore
che non mi riconosca il mio diritto
e che non tributi il mio coraggio

La mia nave è il mio tesoro
Il mio Dio è la mia libertà
la mia legge, la forza e il vento
La mia unica patria, il mare

Al grido “barca in vista”
è da vedere come vira e si preoccupa
a tutta forza cerca di fuggire
perchè io sono il re del mare

E la mia furia è da temere
I bottini io li divido
li consegno in parti eguali
l’unica cosa che voglio come ricchezza
è la bellezza senza rivali

Sono condannato a morte
Io ne rido, non mi arrendo alla sorte
e coloro che mi hanno condannato
li appenderò sull’albero maestro

forse sulla loro stessa nave
E se morissi, cosa sarebbe la vita?
Per perduta già la detti
quando il giogo dello schiavitù
coraggiosamente feci crollare

Sono la mia musica preferita
I venti, il fracasso e il tremore
dei cavi scossi
dal mare nero, le urla

e il ruggire dei miei cannoni
Ed al suono violento del tuono
e all’urlo del vento
io mi addormento tranquillo
cullato dal mare

La mia nave è il mio tesoro
Il mio Dio è la mia libertà
la mia legge, la forza e il vento
La mia unica patria, il mare

Tags:, - 13.369 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .