Orphan gypsy – Fates Warning

Orphan gypsy (L’orfano zingaro) è la traccia numero due del secondo album dei Fates Warning, The Spectre Within pubblicato il 15 ottobre del 1985.

Formazione Fates Warning (1985)

  • John Arch – voce
  • Jim Matheos – chitarra
  • Victor Arduini – chitarra
  • Joe DiBiase – basso
  • Steve Zimmerman – batteria

Traduzione Orphan gypsy – Fates Warning

Testo tradotto di Orphan gypsy (Arduini, Arch) dei Fates Warning [Metal Blade]

Orphan gypsy

Young warrior
to the drunken gallery slave
Running with the wind
Running wayward knave
I’m a vagabond with a maelstrom mind
My blood has left me behind

Go away
Leave me alone
Look in my eyes
You see only stone
I won’t let you in
I can locked you out

In your world
Your fallacy
I don’t want desolate
Isle of debris

Sister superior
Which is on her winged flight
Nightmare dream
Children scream
Echo orphanage hall tonight

I’m a misconception
Never had affection
I don’t even know my name

Just as well who would
know locked in
The closet all day
but I like it here
They leave me alone

I the sheep
She is the wolf
I must run
Run to the end of the world

Orphan gypsy
all I’ll ever be
Magic for emotion
I am free
Orphan gypsy
all I want to be
Lift your chains from me

No place to call home
Sever my roots from the earth
Eternal exile from day one

In this lease of life
I entered as one
In the end I leave as one

Not a single word of guile is heard
Come the clouds before the rain
You’ve entered my sanctum blasphemed
And caused me pain

You’re a figment
of my imagination
I am stone
Now you know to the world
I gave my soul
to read your mind

Orphan gypsy
all I’ll ever be
Magic for emotion
I am free
Orphan gypsy
all I want to be
Lift your chains from me

L’orfano zingaro

Un giovane guerriero
nei confronti d’un ebbro schiavo di miniera
Mentre corre con il vento
Mentre corre la canaglia ribelle
Io son un vagabondo con una tortuosa mente
La mia stirpe di sangue m’ha abbandonato

Andatevene
Lasciatemi in pace
Guardatemi negl’occhi
Voi non scorgete altro che pietra
Non vi lascerò entrare
Posso sprangarvi fuori

Nel vostro mondo
La vostra fallacità
Io non desidero la desolazione
Un’isola di carcasse

Madre superiora
Che siede nel suo alato volo
Onirico incubo
Urla di bambini
Stasera è un’eco dell’ingresso dell’orfanotrofio

Io sono un luogo comune
Non ho mai provato affetto
Non conosco nemmeno il mio nome

Meglio così che qualcuno
mi sappia rinchiuso
Nell’armadio tutto il giorno
anche se amo quel luogo
Essi m’han lasciato solo

Io son la pecora
Lei è il lupo
Io devo fuggire
Correre sino ai limiti del mondo

Un orfano zingaro
è tutto ciò che sempre sarò
Magia per emozione
Io son libero
Un orfano zingaro
è tutto ciò che voglio essere
Solleva da me le tue catene

Non v’è luogo alcuno da chiamare casa
Recidi le mie radici da questa terra
Eterno esilio dal primo giorno

In questa possibilità di vita
Io son entrato da solo
Ed alla fine me ne andrò da solo

Non una singola parola di scaltrezza è udita
Giungon le nubi prima della pioggia
Voi avete profanato il mio sacro luogo blasfemo
E avete in me causato dolore

Voi siete un prodotto
della mia immaginazione
Io sono una pietra
Ora comprendete il mondo
Io ho donato la mia anima
per legger la vostra mente

Un orfano zingaro
è tutto ciò che sempre sarò
Magia per emozione
Io son libero
Un orfano zingaro
è tutto ciò che voglio essere
Solleva da me le tue catene

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 60 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .