Orchids – Stone Sour

Orchids (Orchidee) è la traccia numero due del primo omonimo album degli Stone Sour, pubblicato il 27 agosto del 2002.

Formazione Stone Sour (2002)

  • Corey Taylor – voce
  • Jim Root – chitarra
  • Josh Rand – chitarra
  • Shawn Economaki – basso
  • Joel Ekman – batteria

Traduzione Orchids – Stone Sour

Testo tradotto di Orchids (Taylor) degli Stone Sour [Roadrunner]

Orchids

You hold me inside your iris like a
A terminal stain on life
You condescend to my primal brain and
Twist me around like a knife

Can’t begin to explain
The feelings I have restrained
Don’t ask me how I am
Because you’re too busy
planning your epitaph
Let me tell you
Don’t try to be the one person
Who has stayed just to say
They never left me
Aggravated, complicated, someone say it
God, I never learn

You keep me hidden behind a curtain
An audible human display
You feed me orchids
to give me courage
And keep me in line with disdain

Can’t begin to explain
The feelings I have restrained
Don’t ask me how I am
Because you’re too busy
planning your epitaph
Let me tell you
Don’t try to be the one person
Who has stayed just to say
They never left me
Aggravated, complicated, someone say it
God, I never learn

I have nothing left for you
You left me with nothing
And I have nothing left for you
You left me with nothing
I live at arm’s length and die a little
Between your constants by day
I want my soul back before it’s over
I can’t even wish you away

Can’t begin to explain
The feelings I have restrained
Don’t ask me how I am
Because you’re too busy
planning your epitaph
Let me tell you
Don’t try to be the one person
Who has stayed just to say
They never left me
Aggravated, complicated, someone say it
God, I never learn

Orchidee

Mi tieni dentro al tuo iride come
Una macchia terminale sulla vita
Condiscendi al mio cervello primordiale e
Mi torci come un coltello

Non posso iniziare a spiegare
Le sensazione che ho trattenuto
Non chiedermi chi io sia
Perchè sei troppo impegnata
a pianificare la tua epitaffio
Lascia che te lo dica
Non tentare di essere l’unica persona che
Rimani solo per dire che
Non ti hanno abbandonata
Aggravata, complicata, qualcuno dice
Dio, non imparo mai

Mi tieni nascosto dietro la tenda
Un’udibile display umano
Mi dai da mangiare orchidee
per darmi coraggio e
Mi tieni in fila con disprezzo

Non posso iniziare a spiegare
Le sensazione che ho trattenuto
Non chiedermi chi io sia
Perchè sei troppo impegnata
a pianificare la tua epitaffio
Lascia che te lo dica
Non tentare di essere l’unica persona che
Rimani solo per dire che
Non ti hanno abbandonata
Aggravata, complicata, qualcuno dice
Dio, non imparo mai

Non ho lasciato niente per te
Mi hai lasciato senza niente ed
Io non ho lasciato niente per te
Mi hai lasciato senza niente
Vivo a distanza di un braccio e muoio un po
Tra le tue costanti al giorno
Rivoglio la mia anima prima che sia finita
Non riesco nemmeno augurartelo

Non posso iniziare a spiegare
Le sensazione che ho trattenuto
Non chiedermi chi io sia
Perchè sei troppo impegnata
a pianificare la tua epitaffio
Lascia che te lo dica
Non tentare di essere l’unica persona che
Rimani solo per dire che
Non ti hanno abbandonata
Aggravata, complicata, qualcuno dice
Dio, non imparo mai

Tags: - Visto 287 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .