Diamonds and rust – Judas Priest

Diamonds and rust (Diamanti e ruggine) è la traccia numero due del terzo album dei Judas Priest, Sin after Sin, pubblicato nell’aprile del 1977. Diamonds and rust è una canzone scritta nel 1975 da Joan Baez, che descrive la relazione che la cantante aveva avuto 10 anni prima con Bob Dylan.

Formazione Judas Priest (1977)

  • Rob Halford – voce
  • Glenn Tipton – chitarra
  • K.K. Downing – chitarra
  • Ian Hill – basso
  • Simon Phillips – batteria

Traduzione Diamonds and rust – Judas Priest

Testo tradotto di Diamonds and rust (Joan Baez) dei Judas Priest [CBS]

Diamonds and rust

I’ll be damned,
here comes your ghost again
But that’s not unusual
It’s just that the moon is full
And you decided to call

And here I sit, hand on the telephone
Hearing the voice I’d known
A couple of light years ago
Headed straight for a fall

But we both know
what memories can bring
They bring diamonds and rust
Yes we both know
what memories can bring
They bring diamonds and rust

Now I see you standing with brown
leaves all around and snow in your hair
Now we’re smiling out the window of the
crummy hotel over Washington Square
Our breath comes out white clouds,
mingles and hangs in the air
Speaking strictly for me
we both could’ve died then and there

Now you’re telling me you’re not nostalgic
Then give me another word for it
You were so good with words
And at keeping things vague

Cause I need some
of that vagueness now
It’s all come back too clearly,
yes, I love you dearly
And if you’re offering me
diamonds and rust,
I’ve already paid

But we both know
what memories can bring
They bring diamonds and rust
Yes we both know
what memories can bring
They bring diamonds and rust

Diamonds, diamonds and rust
Diamonds, diamonds and rust
Diamonds, diamonds and rust
Diamonds, diamonds and rust

Diamanti e ruggine

Beh, che io sia dannato,
ecco che ritorna ancora il tuo fantasma
Ma non c’è niente di strano
È solo che c’è la luna piena
E tu hai deciso di chiamare

E sto qui seduto, mano sul telefono
Ascoltando la voce che ho conosciuto
Un paio di anni luce fa
Mentre andavo dritto verso la caduta

Beh, sappiamo tutti e due
cosa possono portare i ricordi
Portano diamanti e ruggine
Sì, sappiamo tutti e due
cosa possono portare i ricordi
Portano diamanti e ruggine

Adesso ti vedo che stai in piedi con le foglie
gialle tutto intorno e la neve tra i capelli
Adesso stiamo sorridendo fuori dalla finestra di
un hotel scadente che dà su Washington Square
Il nostro respiro forma nuvole bianche,
Che si mescolano e si fermano nell’aria
Per quanto mi riguarda,
avremmo potuto morire entrambi allora

Adesso mi dici che non sei nostalgica
Quindi dammi un’altra parola per questo
Tu eri così brava con le parole
E nel tenere le cose nel vago

Perchè ora ho bisogno
di un po’ di quella vaghezza
È ritornato tutto troppo chiaro:
sì, ti amo ardentemente
E se mi stai offrendo
diamanti e ruggine,
È un prezzo che ho già pagato

Beh, sappiamo tutti e due
cosa possono portare i ricordi
Portano diamanti e ruggine
Sì, sappiamo tutti e due
cosa possono portare i ricordi
Portano diamanti e ruggine

Diamanti, diamanti e ruggine
Diamanti, diamanti e ruggine
Diamanti, diamanti e ruggine
Diamanti, diamanti e ruggine

Tags:, - 8.728 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .