Look what the cat dragged in – Poison

Look what the cat dragged in (Guarda che aria malconcia) è la traccia numero cinque e quella che da il nome al primo album dei Poison, pubblicato il 2 agosto del 1986.

Formazione Poison (1986)

  • Bret Michaels – voce
  • C.C. DeVille – chitarra
  • Bobby Dall – basso
  • Rikki Rockett – batteria

Traduzione Look what the cat dragged in – Poison

Testo tradotto di Look what the cat dragged in  (Michaels, DeVille, Dall, Rockett) dei Poison [Enigma]

Look what the cat dragged in

I went to bed too late
And got up too soon
My poor head still spinnin
From too much booze

I got a foot in the gutter
A foot in the grave
I aint seen home
In the last three days

Oh my God look what the cat dragged in
Livin my life sin after sin
Night rolls up and I do it again
Oh my god, look what the cat dragged in

No tell, motel, hotel bed
If it wasn’t for the sunlight
I’d swear I was dead

I got a girl on the left of me
A girl on the right
I know damn well I slept
with both last night

Oh my God look what the cat dragged in
Livin my life sin after sin
Night rolls up and I do it again
Oh my god, look what the cat dragged in

I’m late for work on monday
And my boss is bitchin
Can’t get out of be
Cause my heads still spinnin

My hairs in a rats nest
I look like hell
Half alive or half dead,
I just can’t tell

Oh my God look what the cat dragged in
Livin my life sin after sin
Night rolls up and I do it again
Oh my god, look what the cat dragged in

Guarda che aria malconcia

Sono andato a letto troppo tardi
e mi sono svegliato troppo presto
La mia povera testa gira ancora
per la sbronza che ho preso

Ho un piede nel fango
un piede nella fossa
Non ho visto a casa
negli ultimi tre giorni

Ho mio dio, guarda che aria malconcia
Vivo la mia vita peccato dopo peccato
Le notti arrivano e lo faccio di nuovo
Ho mio dio, guarda che aria malconcia

Senza dirlo, motel, letto d’albergo
Se non fosse per la luce del sole
giurerei di essere morto

Ho una ragazza alla mia sinistra
Una ragazza alla mia destra
So benissimo che ho dormito
con entrambe la scorsa notte

Ho mio dio, guarda che aria malconcia
Vivo la mia vita peccato dopo peccato
Le notti arrivano e lo faccio di nuovo
Ho mio dio, guarda che aria malconcia

Sono in ritardo lunedì al lavoro
ed il mio capo è uno stronzo
Non posso alzarmi dal letto
perchè la mia testa sta ancora girando

I miei capelli sembrano la tana di un topo
Sembro come un demonio
mezzo vivo e mezzo morto
È indescrivibile!

Ho mio dio, guarda che aria malconcia
Vivo la mia vita peccato dopo peccato
Le notti arrivano e lo faccio di nuovo
Ho mio dio, guarda che aria malconcia

Tags:, , - 321 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .