Raise your fist – Running Wild

Raise your fist (Alza i pugni) è la traccia numero cinque del terzo album dei Running Wild, Under Jolly Roger, pubblicato nel 1987.

Formazione Running Wild (1987)

  • Rolf Kasparek – voce, chitarra
  • Majk Moti – chitarra
  • Stephan Boriss – basso
  • Wolfgang Hagemann – batteria

Traduzione Raise your fist – Running Wild

Testo tradotto di Raise your fist (Kasparek, Moti) dei Running Wild [Noise]

Raise your fist

Friday night, dressed to kill,
hell bent for the show
Shiny leather like a second skin,
ready for the first row
You want to go to meet your pals,
but your dad won’t let you go
He’s totally blind, babbling wild,
and he rages and he blows

“I don’t want you boy
to leave my house this way!
Your awful friends
are gonna lead you astray
You better work for school
don’t join this fucking show
I won’t let you go!”

Come on kids unite and
let us feed the flames of rage
Together we are strong so
let’s tear up this golden cage
We shall overcome repression and
their strangling strings
The shackles have to fall and
we will be metallian kings

Raise your fist

Monday morning, ringing school-bell,
homework isn’t done
Teacher’s gonna break your balls,
don’t expect no fun
The jailer’s wild and furious,
classmates deride you too
The wrath is overwhelming you,
can’t stand this fucking crew!

“I don’t want you scums
let me get away from here
I don’t want to be a
cogwheel in your gear
I’m no marionette
in your boring puppet show
So let me go!”

Come on kids unite and
let us feed the flames of rage
Together we are strong so
let’s tear up this golden cage
We shall overcome repression and
their strangling strings
The shackles have to fall and
we will be metallian kings

Raise your fist

Come on kids unite and
let us feed the flames of rage
Together we are strong so
let’s tear up this golden cage
We shall overcome repression and
their strangling strings
The shackles have to fall and
we will be metallian kings

Raise your fist

Alza i pugni

Venerdì sera, vestito da paura,
prontissimo per lo spettacolo
Cuoio lucente come una seconda pella,
pronti per la loro prima rissa
Vuoi uscire e incontrare i tuoi amici,
ma tuo padre non ti lascerà andare
È cosi cieco, ciarla sfrenatamente,
e si incazza e sbuffa

“Non voglio vederti
andare via così!
I tuoi orribili amici
ti porteranno sulla cattiva strada
Lavora piuttosto per la scuola
non aggregarti a questo fottuto spettacolo
Non ti lascerò andare!”

Forza ragazzi uniamoci e
lasciamo divampare il fuoco dell’ira
Insieme siamo forti quindi
distruggiamo questa prigione dorata
Dobbiamo superare l’opressione e
le loro limitazioni
Le restrizioni devono finire e
saremo i re del metallo

Alza i pugni

Lunedì mattina, suona la campanella,
non hai fatto i compiti
L’insegnante ti romperà le palle,
non aspettarti divertimento
Il tuo carceriere è scatenato e furioso,
i tuoi compagni ti deridono
L’ira ti travolge,
non sopporti questo gruppo di deficienti

“Io non vi voglio, gentaglia,
lasciatemi andar via
Non voglio essere un
ingranaggio del vostro disegno
Non sono una marionetta
nel vostro noioso spettacolo di pupazzi
Quindi lasciatemi andare!”

Forza ragazzi uniamoci e
lasciamo divampare il fuoco dell’ira
Insieme siamo forti quindi
distruggiamo questa prigione dorata
Dobbiamo superare l’opressione e
le loro limitazioni
Le restrizioni devono finire e
saremo i re del metallo

Alza i pugni

Forza ragazzi uniamoci e
lasciamo divampare il fuoco dell’ira
Insieme siamo forti quindi
distruggiamo questa prigione dorata
Dobbiamo superare l’opressione e
le loro limitazioni
Le restrizioni devono finire e
saremo i re del metallo

Alza i pugni

Tags: - 236 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .