Spiral Architect – Black Sabbath

Spiral architect (Architetto della spirale) è l’ottava e ultima traccia del quinto album dei Black Sabbath, Sabbath Bloody Sabbath uscito il primo dicembre del 1973.

Formazione Black Sabbath (1973)

  • Ozzy Osbourne – voce
  • Tony Iommi – chitarra
  • Geezer Butler – basso
  • Bill Ward – batteria

Traduzione Spiral architect – Black Sabbath

Testo tradotto di Spiral architect (Osbourne, Iommi, Butler, Ward) dei Black Sabbath [Vertigo]

Spiral architect

Sorcerers of madness
Selling me their time
Child of god sitting in the sun
Giving peace of mind

Fictional seduction
On a black snow sky
Sadness killed the Supermen
Even fathers cried

Of all the things I value most of all
I look inside myself and see
My world and know that it is good
You know that I should

Superstitious century
Didn’t time go slow
Separating sanity
Watching children grow
Synchronated undertakes the spiral skies
Silver ships on plasmic oceans
In disguise

Of all the things I value most in life
I see my memories and feel their warmth
And know that they are good
You know that I should

Watching eyes of celluloid
Tell you how to live
Metaphoric hoaxeries say
give, give, give!

Laughter kissing love
Is showing me the way
Spiral city architect
I build, you pay

Of all the things I value most of all
I look upon my earth and feel the warmth
And know that it is good
You know that I should

Architetto della spirale

Stregoni di pazzia
Mi stanno vendendo il loro tempo
Figlio di Dio seduto al sole
a dare tranquillità alla mente

Seduzione immaginaria
su un cielo nero di neve
La tristezza uccide il super uomo
Perfino i padri piangono

Fra tutte le cose ho dato importanza a molte
Guardo dentro me stesso e vedo
Il mio mondo, e so che è buono
Lo sai che dovrei

Secolo superstizioso
Non trascorreva piano il tempo?
Alterando l’equilibrio
guardando crescere i bambini
Becchini sincronizzati, cieli a spirale
Navi d’argento su oceani plasmatici
Mascherati

Fra tutte le cose ho dato importanza a molte
Vedo i miei ricordi e sento il loro calore
e so che sono buoni
Sai che io dovrei

Osservare occhi di celluloide
ti dicono come vivere
Motore-replay metaforico
Dai, dai  dai!

La risata che bacia l’amore
mi mostra la via
Architetto di città a spirale
Io costruisco, tu paghi

Fra tutte le cose ho dato importanza a molte
Guardo sopra la mia terra e sento il calore
E so che è buono
Sai che io dovrei

Tags: - 1.532 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .