Wicked – Symphony X

Wicked (Malvagia) è la traccia numero due del sesto album dei Symphony X, The Odyssey pubblicato il 5 novembre del 2002.

Formazione Symphony X (2002)

  • Russell Allen – voce
  • Michael Romeo – chitarra
  • Michael Lepond – basso
  • Jason Rullo – batteria
  • Michael Pinnella – tastiere

Traduzione Wicked – Symphony X

Testo tradotto di Wicked (Romeo, Allen) dei Symphony X [InsideOut]

Wicked

Alone I traveled through the mountains
Led by a star fading west
When I came upon an ancient ruin of a church
and it was there I stopped to rest

Then the black and gloomy night
that chased my footsteps
crashed down on me like a wave
Whispering through the trees
and eerie breeze
carried a voice beckoning me
to be her slave

In a whisper she said…

Burn forever
Leave never from my arms
Embrace the night

From the black and twisting shadows
rose a woman
beauty alluring to the eye
Oh her devilish grin,
her moonlit skin
and long dark hair flowing
down around her thighs

As she approached
I felt the evil growing stronger
I waltz with the wicked within
Frozen in my place,
she kissed my face
and in a storm of passion
bathed me in sin

In the madness…she said…

Burn forever
Leave never from my arms
Embrace the night

Then she weaved a mist
and cast me into the shadows

“Come with me, love eternally,
forever mine”
“Set me free,
in death we’ll dance eternally
forever and ever…”

As so the light,
cast down from the heavens,
washed over me like wave
I awoke, it seems,
from some crazy dream
only to find I was standing
at her grave

In my nightmare…she said

Burn forever
Leave never from my arms
Embrace the night

Burn forever
Leave never from my arms
Don’t ever leave me- never leave me

Malvagia

Ho viaggiato da solo per le montagne,
guidato da una stella che svanisce verso ovest
Quando giunsi alle antiche rovine di una chiesa,
lì mi fermai per riposare

Poi la nera e lugubre notte
che mi dava la caccia
mi investì come un’onda
Sussurrando tra gli alberi
e la misteriosa brezza,
mi giunse una voce che mi invitava
a diventare suo schiavo

Lei parlò in un sussurro…

Brucia in eterno
Non scappare dalle mie braccia
Abbraccia la notte

Dall’oscurità, torcendo le ombre,
apparve una donna,
con occhi di incredibile bellezza
Oh, il suo diabolico sorriso,
la sua pelle, illuminata dalla luna,
e i lunghi capelli neri
che cadevano sulle sue cosce

Mentre si avvicinava,
sentivo la malvagità intensificarsi
Ballai il valzer con il suo spirito malvagio
Congelato nella mia posizione,
mi baciò in viso,
e un uragano di passione
mi immerse nel peccato

Nella pazzia… lei parlò…

Brucia in eterno
Non scappare dalle mie braccia
Abbraccia la notte

Poi tessè una certa foschia
e mi trascinò tra le ombre

“Vieni con me, amami eternamente,
sarai mio per sempre”
“Liberami,
Nella morte danzeremo eternamente,
per sempre”

E così la luce,
scesa dal paradiso,
calò su di me come un’onda
Mi svegliai, sembra,
da qualche pazzo sogno,
solo per scoprire che ero sdraiato
sulla sua tomba

Nel mio incubo lei parlò…

Brucia in eterno
Non scappare dalle mie braccia
Abbraccia la notte

Brucia in eterno
Non scappare dalle mie braccia
Non lasciarmi mai, non mi lasciare mai

Tags: - 250 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .