Wither – Dream Theater

Wither (Appassisco) è la traccia numero tre ed il secondo singolo del decimo album dei Dream Theater, Black Clouds & Silver Linings pubblicato il 23 giugno del 2009.

Formazione Dream Theater (2009)

  • James LaBrie – voce
  • John Petrucci – chitarra
  • John Myung – basso
  • Mike Portnoy – batteria
  • Jordan Rudess – tastiere

Traduzione Wither – Dream Theater

Testo tradotto di Wither (Petrucci) dei Dream Theater [Roadrunner]

Wither

Let it out, let it out
Feel the empty space
So insecure, find the words and let it out

Staring down,
staring down
Nothing comes to mind
Find the place, turn the water into wine

But I feel
I’m getting nowhere
And I’ll never see the end

So I wither
And render myself helpless
I give in
And everything is clear
I breakdown
And let the story guide me

Turn it on,
Turn it on
Let the feelings flow
Close your eyes
See the ones you used to know

Open up, open up
Don’t struggle to relate
Lure it out
Help the memory escape
Still transparentness consumes me
And I feel like giving up

So I wither
And render myself helpless
I give in
And everything is clear
I breakdown
And let the story guide me

I wither
And give myself away

Light reflections on the cage
The worlds want to create

I drown in hesitation
My words come crashing down
And all my best creations
Burning to the ground

The final staring over
Leaves me paralysed
Tear it out again
Another one that got away

I wither
And render myself helpless
I give in
And everything is clear

I wither
And render myself helpless
I give in
And everything is clear
I breakdown
And let the story guide me
I wither
And give myself away

Light reflections on the cage
The worlds want to create
The worlds which you create

Let it out, let it out…

Appassisco

Lascialo andare, lascialo andare
Senti lo spazio vuoto
Così esitante, trova le parole e lascialo andare

Tenendo gli occhi fissi al pavimento,
Tenendo gli occhi fissi al pavimento
Niente giunge alla memoria
trova il luogo adatto, tramuta l’acqua in vino

Ma avverto che non sto
andando da nessuna parte
E mai la fine vedrò

Così Io appassisco
E figuro me stesso bisognoso d’aiuto
Io mi arrendo
Ed ogni cosa diventa chiara
Io crollo
E lascio che sia il corso degli eventi a guidarmi

Accendilo,
Accendilo
Lascia che le emozioni volino
Chiudi i tuoi occhi
Scorgi l’unico che eri solito conoscere

Confidati, confidati
Non sforzarti di capire
Adescalo
Aiuta i ricordi a fuggire
Ancora la trasparenza mi consuma
E mi sento come se mi stessi arrendendo

Così Io appassisco
E figuro me stesso bisognoso d’aiuto
Io mi arrendo
Ed ogni cosa diventa chiara
Io crollo
E lascio che sia il corso degli eventi a guidarmi

Io appassisco
E mi tradisco

Riflessi di luce sulla gabbia
I cosmi vogliono plasmare

Io annego nell’esitazione
Le mie parole giungono precipitando
E tutte le mie migliori creazioni
Bruciano al suolo

L’ultimo sguardo fisso
Mi lascia paralizzato
Strappalo via ancora
Un’ulteriore che se n’è andato

Così Io appassisco
E figuro me stesso bisognoso d’aiuto
Io mi arrendo
Ed ogni cosa diventa chiara

Così Io appassisco
E figuro me stesso bisognoso d’aiuto
Io mi arrendo
Ed ogni cosa diventa chiara
Io crollo
E lascio che sia il corso degli eventi a guidarmi
Io appassisco
E mi tradisco

Riflessi di luce sulla gabbia
I cosmi vogliono plasmare
I cosmi che tu hai plasmato

Lascialo andare, lascialo andare…

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags:, - 8.080 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .