Alone you breathe – Savatage

Alone you breathe (Respiri da solo) è la traccia numero dieci dell’ottavo album dei Savatage, Handful of rain pubblicato il 16 agosto del 1994. La canzone è dedicata al chitarrista Chriss Oliva scomparso poco prima.

Formazione Savatage (1994)

  • Zachary Stevens – voce
  • Alex Skolnick – chitarra
  • Johnny Lee Middleton – basso
  • Steve Doc Wacholz – batteria
  • Jon Oliva – pianoforte, tastiere

Traduzione Alone you breathe – Savatage

Testo tradotto di Alone you breathe (Jon Oliva, Paul O’Neill) dei Savatage [Atlantic]

Alone you breathe

You were never one for waiting
Still I always thought you’d wait for me
Have you from your dream awakened
And from where you are what do you see

Which of us is now in exile
Which in need of amnesty
Are you now but an illusion
In my mind alone you breathe

You believed in things
that I will never know
You were out there drowning
but it never showed
‘Til inside a rain swept night
you just let go

You’re thrown it all away
And now we’ll never see
The ending of the play
The grand design
The final line
And what was meant to be

In the dark a distant runner
Now has disappeared into the night
Leaving us to stand and wonder
Staring from this end into your life

You believed in things
that I will never know
You were out there drowning
but it never showed
‘Til inside a rain swept night
you just let go

You’ve thrown it all away
And now we’ll never see
The ending of the play
The grand design
The final line
And what was meant to be

And if this is all illusion
Nothing more than pure delusion
Clinging to a fading fantasy

Like Icarus who heeds the calling
Of a sun but now is falling
As the feathers of his life fall free
Can you see
See

Tomorrow and after
You tell me what am I to do
I stand here believing
That in the dark, there is a clue

Perhaps inside this midnight sky
Perhaps tomorrow’s new born eyes
Or could it be we’ll never know
And after all this was the show

What am I to do
Gotta get back
Gotta get back
Gotta get back
What am I to do
Gotta get back
Gotta get back
Gotta get back
What am I to do

Standing on a dream
Isn’t what it seems
Could we then reclaim
a dream refused
Knowing what we know
Could we let it go
Realizing that all
the years are used

Tomorrow and after
You tell me what am I to do
I stand here believing
That in the dark there is a clue
I am the way, I am the light
I am the dark inside the night
I hear your hopes, I feel your dreams
And in the dark I hear your screams

Tomorrow and after
You tell me what am I to do
I stand here believing
That in the dark there is a clue

Respiri da solo

Non sei mai stato uno che sa aspettare
Ho sempre pensato che mi avresti aspettato
ti sei svegliato dai tuoi sogni
E da dove sei, cosa vedi?

Chi di noi è in esilio adesso
Chi ha bisogno d’amnistia
Sei tu adesso o un illusione?
Nella mia mente respiri da solo

Hai creduto nelle cose
che non conoscerò mai
Eri là fuori ad annegare
ma non lo hai mostrato mai
Finchè dentro una notte di diluvio
ti sei lasciato andare

Hai gettato via tutto
E adesso non vedremo
mai il finale della commedia
Il grandioso disegno,
la linea finale
E cosa intendeva essere

Nel buio un corridore distante
Ora è scomparso nella notte
Lasciandoci lì a meravigliarsi
fissando questa fine nella tua vita

Hai creduto nelle cose
che non conoscerò mai
Eri là fuori ad annegare
ma non lo hai mostrato mai
Finchè dentro una notte di diluvio
ti sei lasciato andare

Hai gettato via tutto
E adesso non vedremo mai
il finale della commedia
Il grandioso disegno,
la linea finale
E cosa intendeva essere

E se questa è tutta illusione
Niente più di pura delusione
Aggrappandomi ad una fantasia che svanisce

Come Icaro che sente la chiamata
Di un sole ma adesso sta cadendo
Mentre le piume della sua vita cadono libere
Riesci a vedere?
Vedere

Domani e dopo
Dimmi cosa fare
Sono qui a credere
Che nel buio c’è un indizio

Forse dentro questo cielo di mezzanotte
Forse negli occhi del domani neonato
O potrebbe essere, che non sapremo mai
Dopo tutto questo è stato lo spettacolo

Cosa devo fare
Devo tornare
Devo tornare
Devo tornare
Cosa devo fare
Devo tornare
Devo tornare
Devo tornare
Cosa devo fare

Basandosi su un sogno
non è ciò che sembra
Potremmo poi riconoscere
un sogno scartato
Sapendo che sappiamo
che potremmo lasciarlo andare
Comprendendo che tutti
gli anni vengon utilizzati

Domani e dopo
Dimmi che fare
Sono qui a credere
Che nel buio c’è un indizio
Io sono la strada, io sono la luce
Io sono il buio dentro la notte
Sento le tue speranze, sento i tuoi sogni
E nel buio sento le tue grida

Domani e dopo
Dimmi che fare
Sono qui a credere
Che nel buio c’è un indizio

Tags:, - 1.718 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .