Crying shame – Motörhead

Crying shame (Un vero peccato) è la traccia numero dieci del ventunesimo album dei Motörhead, Aftershock pubblicato il 21 ottobre del 2013.

Formazione Motörhead (2013)

  • Lemmy Kilmister – voce, basso
  • Phil Campbell – chitarra
  • Mikkey Dee – batteria

Traduzione Crying shame – Motörhead

Testo tradotto di Crying shame (Kilmister, Campbell, Dee) dei Motörhead [UDR]

Crying shame

Long time coming
Long time gone
Seen you coming
You’ve been gone too long

The only human in a one horse race
Try to get away without a trace
Stick it to them, stick it through them
Stick it out and you might still do ‘em
Nice one mama come on down and see

Know your face,
never knew your name
Never quite the same
It’s a crying shame

Long way out, long way home
Walking past faces made of stone

Way I see it, get it while you can
Gotta be tough, a self made man

Stick it in ‘em, stick it on ‘em
Stick it fast you might have got ‘em
Come on mama get down on your knees

Know your face,
never knew your name
Never been the same
It’s a crying shame
Never mind

On the line, on the line
Don’t know about you but I feel fine

Looky here honey, I’m the one for you
Just a bit further, we’ll make it through
Stick at nothing, keep on pushing
Stick to me your might get nothing
That’s right mama, tell me what you see

Know your face,
never knew your name
Never beat the game
It’s a world of pain

Know your face,
never knew your name
I never could explain
It’s a crying shame
A crying shame

Un vero peccato

Sta arrivando molto tempo
molto tempo se n’è andato
ti vedo arrivare
sei stato via troppo a lungo

L’unico essere umano in una corsa di cavalli
che prova ad allontanarsi senza lasciare tracce
bastonali, bastonali
dagliele e potresti ancora dargliene
ben fatto, mamma sta arrivando per vedere

Conosco la tua faccia,
ma non ho mai saputo il tuo nome
non è proprio la stessa cosa
è un vero peccato

Lungo la strada, lungo la strada di casa
passiamo davanti a facce fatte di pietra

Per come la vedo io, puoi averli
devi essere duro, un uomo con personalità

Bastonali, bastonali
bastonali velocemente come mai hai fatto
forza mamma, inginocchiati

Conosco la tua faccia,
ma non ho mai saputo il tuo nome
non sei mai stata la stessa
è un vero peccato
non importa

In tutta franchezza
non so voi, ma io mi sento bene

Guarda qui tesoro, sono a tua disposizione
solo un po’ più di incoraggiamento e ce la faremo
Bastonali senza motivo, continua a spingere
bastonali per me anche se senza motivo
esatto mamma, dimmi quello che vedi

Conosco la tua faccia,
ma non ho mai saputo il tuo nome
non puoi sconfiggere il sistema
è un mondo di dolore

Conosco la tua faccia,
ma non ho mai saputo il tuo nome
non l’ho mai potuto spiegare
è un vero peccato
un vero peccato

Tags: - 171 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .