Screaming in digital – Queensrÿche

Screaming in digital (Urlando in digitale) è la traccia numero dieci del secondo album dei Queensrÿche, Rage for Order, pubblicato il 27 giugno del 1986.

Formazione Queensrÿche (1986)

  • Geoff Tate – voce
  • Chris DeGarmo – chitarra
  • Michael Wilton – chitarra
  • Eddie Jackson – basso
  • Scott Rockenfield – batteria

Traduzione Screaming in digital – Queensrÿche

Testo tradotto di Screaming in digital (DeGarmo, Tate, Wilton) dei Queensrÿche [EMI]

Screaming in digital

I am the beat of your pulse
The computer word made flesh
We are one you and I
We are versions of the same
When you can see what I feel
Don’t turn your back on me
Or you might find that your dreams
Are only program cards

Your mind is open for me
Open for intake
of all propaganda
Your Eyes see now what to see
My eyes see only
the programs you give me

I’ll teach you to laugh and to cry
They’re really the same you’ll see
All of the why’s in your life
Are under my control
Feed me more lines
I will try to tell you all I can
Before the light you must know what lies
Behind my screams

I can’t tell you all I know
Am I the son that you’ve always been wanting
There’s more to me than what shows
Are you my father
The one that was promised

Hush now,
I’ll give all you need to know
and pre-live your dreams for you
You’re a good boy

Freedom belongs only to those
Without video screens
For eyes and mouth

You have no voice
To be heard my son
No one can hear when you’re
Screaming in Digital

I’m not your slave
You can’t control my emotions
No Father, please let me keep learning

Can’t you see I’m human
Can’t you tell

I’m not your slave
Oh Father no
Please don’t keep me from dreaming
Oh can’t someone hear

Urlando in digitale

Io sono il battito delle tue pulsazioni
La parola del computer ha creato la mia carne
Io e te siamo una cosa sola
Siamo due versioni della stessa entità
Quando riesci a percepire le mie emozioni
Non girarmi le spalle
O potresti scoprire che i tuoi sogni
Sono solo dei programmi

La tua mente è aperta per me
È aperta perché io possa
introdurci la propaganda
I tuoi occhi vedono ciò che vedo io
E i miei occhi vedono solo
i programmi che mi dai

Ti insegnerò a piangere e a ridere
È la stessa cosa, vedrai
Tutti i dubbi nella tua vita
Sono sotto il mio controllo
Dammi altre linee di programmazione
Io ti dirò tutto ciò che posso
Prima della luce dovrai sapere cosa si nasconde
Dietro le mie urla

Non posso dirti tutto ciò che so
Sono il figlio che hai sempre voluto
C’è altro in me che non si vede ad occhio nudo
Sei mio padre?
Quello che mi era stato promesso?

Stai zitto adesso,
ti dirò tutto ciò che devi sapere
E vivrò i tuoi sogni prima di te
Sei un bravo ragazzo

La libertà è solo di coloro
Che non hanno uno schermo
Al posto degli occhi e della bocca

Non hai una voce
Che può essere sentita, figlio mio
Nessuno può sentirti quando stai
Urlando in digitale

Non sono il tuo schiavo
Non puoi controllare le mie emozioni
No Padre, continua ad insegnarmi

Non capisci che sono un umano?
Non lo capisci?

Non sono il tuo schiavo
Oh no, Padre
Ti prego, non interrompere i miei sogni
Oh, perché qualcuno non mi sente?

Tags: - 111 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .