The years of decay – Overkill

The years of decay (Gli anni della decadenza) è la traccia numero otto e quella che dà il nome al quarto album in studio degli Overkill, pubblicato il 13 ottobre del 1989.

Formazione Overkill (1989)

  • Bobby Ellsworth – voce
  • D.D. Verni – basso
  • Bobby Gustafson – chitarra
  • Sid Falck – batteria

Traduzione The years of decay – Overkill

Testo tradotto di The years of decay (Verni, Ellsworth, Gustafson) degli Overkill [Megaforce]

The years of decay

Out on this road
takes its toll
and you pay for everything you do
underlights, made me blind
this place is the same
as last night
Out of control takes its toll
but you learn to live
with your dreams
speaking your mind
to those you find
listening to what you have to say
I wouldn’t change the way
I wouldn’t stop the decay

Promised the world,
as your world
changed before your eyes
and the days became the weeks
and the weeks the years
and no one remembers
that very first day
or how it slipped away
forever I wait, pulling in, pulling out
as the motors whine
to remind me I’m home
and I’m here to stay
as we decay
another day
decay away

I’m goin’ home,
I don’t know where
I’m goin’ home,
not far from here

Out on this road,
paint this toll
make me whole,
set the stage
fill it with anger,
fill it with rage
no I don’t know what’s today
I know it falls in the years of decay
self, sacrifice, everynight
and together we
paid a price in blood
that spilled out through the years
and another day passes away
look to the black,
drawn farther back
look to each day,
see the decay
times I’ve had,
good and bad
win or lose,
this is what I choose…

Gli anni della decadenza

Fuori su questa strada
esige il suo tributo
E tu paghi per tutto ciò che fai
Sotto le luci, mi hai reso cieco
Questo posto è lo stesso,
come l’altra notte
Fuori controllo esige il suo tributo
Ma tu impari a vivere
con i tuoi sogni
Parlando alla tua mente
di quello che cerchi
Ascoltando ciò che devi dire
Non cambierei il modo
Non fermerei il decadimento

Promesso il mondo,
come il tuo mondo
Cambiato davanti ai tuoi occhi
E i giorni divennero settimane
E le settimane degli anni
E nessuno ricorda
quel primo momento
O come è scivolato via
Aspetto sempre, entrando, uscendo
Mentre i motori fischiano
Per ricordami che sono a casa
E sono qui per restare
Mentre decadiamo
Un altro giorno
Decadiamo via

Sto andando a casa,
non so dove
Sto andando a casa,
non lontano da qui

Fuori su questa strada,
dipingo questo tributo
fammi tutto,
prepara il terreno
Riempilo con rabbia,
riempilo con la collera
No non lo so che cos’è oggi
So che cade negli anni del decadimento
Egoismo, sacrificio, ogni notte
E insieme abbiamo
pagato un prezzo in sangue
Che versiamo negli anni
E un altro giorno finisce
Guarda verso il buio,
tirato ancora indietro
Guarda ogni giorno,
vedi il decadimento
Il tempo che avevo,
buono e cattivo
Vincere o perdere,
questo è quello che ho scelto

Tags:, - 476 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .