Song for Emma – Saxon

Song for Emma (Canzone per Emma) è la traccia numero sei del nono album dei Saxon, Destiny pubblicato il 20 giugno del 1988.

Formazione Saxon (1988)

  • Biff Byford – voce
  • Paul Quinn – chitarra
  • Graham Oliver – chitarra
  • Paul Johnson – basso
  • Nigel Durham – batteria

Traduzione Song for Emma – Saxon

Testo tradotto di Song for Emma (Byford, Stephan Galfas) dei Saxon [EMI]

Song for Emma

Emma stands alone tonight
Staring at the stars
Trying to find the reason why
Her world was torn apart
She’s sick and tired of trying to keep
The wolves back from the door

She couldn’t stand the pain
Tried to come in from the rain
She was a victim of her heart
Is there no one to blame

What happened to the dreams she had
Visions of her life
Now they’re only shadows
Fading in the night
She’s given up believing
Turned her back and slammed the door

She couldn’t stand the pain
Tried to come in from the rain
She was a victim of her heart
Is there no one to blame
No one to blame
No one to blame
No one to blame

Emma weeps alone tonight
Passion was her crime
No one hears her cry for help
Her back’s against the wall
She’s standing on the very edge
She’s waiting for the fall

She couldn’t stand the pain
Tried to come in from the rain
She was a victim of her heart
Victim of her heart

She couldn’t stand the pain
Tried to come in from the rain
She was a victim of her heart
Is there no one to blame

Canzone per Emma

Emma è sola stasera
Sta fissando le stelle
Cercando di trovare una ragione del perché
il suo mondo è stato fatto a pezzi
È stufa e stanca di cercare di tenere
i lupi lontano dalla porta

Non sopportava il dolore
Ha cercato di entrare dalla pioggia
Era una vittima del suo cuore
Non c’è nessuno da incolpare

Cosa è successo ai sogni che aveva
Visioni della sua vita
Ora sono solo ombre
Che svaniscono nella notte
Ha smesso di credere
Ha voltato le spalle e sbattuto la porta

Non sopportava il dolore
Ha cercato di entrare dalla pioggia
Era una vittima del suo cuore
Non c’è nessuno da incolpare
Nessuno da incolpare
Nessuno da incolpare
Nessuno da incolpare

Emma piange da sola stanotte
La passione era il suo crimine
Nessuno sente il suo grido d’aiuto
Ha le spalle al muro
È in piedi sul bordo
Sta aspettando la caduta

Non sopportava il dolore
Ha cercato di entrare dalla pioggia
Era una vittima del suo cuore
Non c’è nessuno da incolpare

Non sopportava il dolore
Ha cercato di entrare dalla pioggia
Era una vittima del suo cuore
Non c’è nessuno da incolpare

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

??!