Joanie’s butterfly – Aerosmith

Joanie’s butterfly (La farfalla di Joanie) è la traccia numero sette del settimo album degli Aerosmith, Rock in a Hard Palace, pubblicato il primo agosto del 1982. Il brano è preceduto dalla breve Prelude to Joanie.

Formazione Aerosmith (1982)

  • Steven Tyler – voce
  • Jimmy Crespo – chitarra
  • Rick Dufay – chitarra
  • Tom Hamilton – basso
  • Joey Kramer – batteria

Traduzione Prelude to Joanie – Aerosmith

Testo tradotto di Prelude to Joanie (Tyler) degli Aerosmith [Columbia]

Prelude to Joanie

At first we three thought
‘twas the biblical cord of life
Then noticing ‘twas connected to his head

How strange, not to believed
I reached out to feel,
and the pony’s eyes opened
The cord got hard, the head looked around
And you know who pushed and gushed
The waters of life
First two hooved feet,
then the shine of his fur

But at first to my eyes only
Feather – feathers – wings
The butterflies flew up in such colors
Exploding all around us

The rest I did not see
till there he stood
all eyes in wonder

Who me – who you

Look

Preludo a Joanie

All’inizio noi tre pensavamo
Che era la corda biblica della vita
Poi notammo che era collegata alla sua testa

Come è strano, da non credere
Mi allungai per sentire
E gli occhi del pony si aprirono
La corda si indurì, la testa si guardò attorno
E lo sai chi spinse e riversò
Le acque della vita
Subito due piedi con zoccoli
Poi la lucentezza del suo pelame

Ma all’inizio solo ai miei occhi
Ali di piume di piume
Le farfalle volarono in alto in tali colori
Che esplosero intorno a noi

Non vidi il resto
Finché era in piedi
Gli occhi pieni di stupore

Chi io – chi tu

Guarda

Traduzione Joanie’s butterfly – Aerosmith

Testo tradotto di Joanie’s butterfly (Tyler, Crespo, Jack Douglas) degli Aerosmith [Columbia]

Joanie’s butterfly

And what a stormy night
I met the pony
It was so dark that
I could hardly see
It smelled so sweet
you know who and Joanie
So many butterflies one could not see

We all could feel desire
Took off in flight
It was hotter than fire
Than came the light

Oh, oooh
Oh, ah, now smell the heat
The dancing pony
unwrapped his wings
To try off joanie
The pony he grew in size
In thunder and rain
And finally realize
What he was and what he does
And what he couldn’t stay

And left to kiss the cheek of mother nature
Nobody here can denie such things
He’s created as you look’m honey
No butterfly should be
denied his wings

He was a kick ass rocking horse
He like a hell bent tied to the gavin pole
It was a one-time fantasy
I got to grab hold
and fly into the holy land
Bare back,
riding like a butterplane
Nightmares,
and he can hold the candle to my dreams

Oh we rode tonight
I talked to believe in
What I saw all right
It was everything
We flew into burning skies
The thunder and rain
And finally realize
What he is and what he does
And what he couldn’t stay

Oh, no, no…
Took off in flight
Oh, no, no…
then came the light

Flashback, somethings coming over me
Not sweat one time fantasy

No live to breathe
No stable lights
No try to please
Nobody’s eyes
We’ll never see lust again
And tell me the pain
Bury it all again
We have a good time
Somebody shot him down

Now tell me, tell me, tell me, tell me never
Wakin’ me ‘cause you’re cold sometimes
Being seduced will be your own pleasures
What be his muse may be
what he must find

He was a kick ass rocking horse
He was a one horned, unicornucopia
Two, two in Utopia
Three star, verge into infinity
Four…(four)
Four…(four)
Na na na na na
Oooh, oooh…

La farfalla di Joanie

Che notte tempestosa,
quando incontrai il pony,
Era così buio che
a malapena riuscivo a vedere,
Era così profumato,
tu sai chi e Joanie,
Così tante farfalle che non si poteva vedere…

Tutti potevamo sentire il desiderio
che si mise in volo,
Era più caldo che il fuoco,
poi venne la luce.

Oh, oooh
Oh, ah, ora odoro il calore,
il pony danzante,
Distese le sue ali
per asciugare Joanie,
Il pony è cresciuto
nel tuono e nella pioggia,
E alla fine ho capito
che cosa era, che cosa fa,
e cosa è venuto a dire.

Voglio baciare la guancia di madre natura,
nessuno qui può negare queste cose,
Fai venire dolci come il miele le donne che ami,
A nessuna farfalla dovrebbero
essere negate le sue ali…

Era uno stupido cavallo a dondolo!
Era come un indiavolato legato all’asta Gavin,
Era la fantasia di una volta sola,
Mi sono tenuto stretto
e sono volato sino in Terra Santa,
Cavalcando senza sella,
come un uomo che fugge,
Incubi,
e non è all’altezza dei miei sogni!

Cavalcammo la notte,
Parlavo per crederci
Quello che vedevo era così giusto,
era tutto,
volammo in cieli di fuoco,
il tuono e la pioggia,
e alla fine capii,
Che cosa è, che cosa fa,
e cosa è venuto a dire!

No, no, no, no,
mi alzai in volo,
No, no, no, no,
poi si fece luce.

Un flashback, mi sta succedendo qualcosa,
Non è la fantasia di una sola volta.

Non vivo per respirare
Nessuna luce stabile
Non cercare di piacere
Gli occhi di nessuno.
Non ci vedremo mai più,
e raccontami del dolore
Seppellisci tutto di nuovo
Abbiamo del bel tempo
Qualcuno gli ha sparato

Ora dimmi, dimmi, dimmi
svegliami perchè sei freddo talvolta
Sedotta dai tuoi stessi piaceri,
Quale sia la sua musa potrenne essere
quello che deve cercare

Era uno stupido cavallo a dondolo, era un…
Un corno, unicornucopia,
Due, due in utopia,
Tree stelle, che tendono all’infinità,
Quattro…
Quattro…
Na na na na na
Oooh, oooh…

Tags: - 102 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .