You’re my temptation – Alice Cooper

You’re my temptation (Tu sei la mia tentazione) è la traccia numero cinque del ventesimo album di Alice Cooper, The Last Temptation, pubblicato il 12 luglio del 1994.

Formazione (1994)

  • Alice Cooper – voce
  • Stef Burns – chitarra
  • Greg Smith – basso
  • David Uosikkinen – batteria
  • Derek Sherinian – tastiere

Traduzione You’re my temptation – Alice Cooper

Testo tradotto di You’re my temptation (Cooper, Blades, Shaw) di Alice Cooper [Epic]

You’re my temptation

Don’t touch your lips
Don’t wear your hair like that
I feel your presence all around me
Don’t get too close
Don’t move your eyes like that
Because they’re deep enough to drown me
It don’t get how like this in Heaven
You fool me with your angel face
Your master knows where I’m my weakest

Mercy please, I’m on my knees
You’re my temptation
Measure my faith, the devil’s awake
He knows you’re my temptation

Don’t call my name
Don’t brush my cheek like that
I curse the day that I found you
Don’t touch my skin
Don’t dance around like that
I feel damnation all around you
And so I raise my voice to Heaven
Please hide me in some holy place
Protect my soul, I’m only human

Mercy please, I’m on my knees
You’re my temptation
Look down and see
Deliver me from my dark sensation
Give me faith, don’t let me waste
You’re my temptation

Come to me
You’re such a liar
Won’t you come to me
Move closer to the fire
Just come to me
No, no, no
Won’t you come to me
I will set you free
No, no, no

Mercy please, I’m on my knees
You’re my temptation
Measure my faith, the devil’s awake
He knows you’re my temptation
Mercy please, I’m on my knees
You’re my temptation
Go away in Heaven’s name
You’re my temptation
Go away, just go away
My dark sensation

Tu sei la mia tentazione

Non toccarti le labbra
Non portare i capelli in quel modo
Sento la tua presenza intorno a me
Non venire troppo vicino
Non muovere gli occhi in quel modo
Perché sono profondi abbastanza per annegarmi
Non si ottiene in questo modo in Paradiso
Mi inganni con il tuo viso d’angelo
Il tuo padrone sa dove sono più debole

Per favore pietà, sono in ginocchio
Tu sei la mia tentazione
Misuro la mia fede, il risveglio del diavolo
Lui sa che tu sei la mia tentazione

Non chiamare il mio nome
Non sfiorare in questo modo la mia guancia
Maledico il giorno che ti ho trovato
Non toccare la mia pelle
Non ballare in questo modo
Sento la dannazione attorno a te
e quindi alzo la mia voce verso il cielo
Per favore nascondimi in qualche luogo sacro
Proteggi la mia anima, sono solo un essere umano

Per favore pietà, sono in ginocchio
Tu sei la mia tentazione
Guarda in basso e vedi
Liberami dalle mie oscure sensazioni
Dammi la fede, non lasciarmi sciupare
Tu sei la mia tentazione

Vieni da me
Sei una tale bugiarda
Non vuoi venire da me
Avvicinati al fuoco
Basta venire da me
No, no, no
Non vuoi venire da me
Ti renderò libero
No, no, no

Per favore pietà, sono in ginocchio
Tu sei la mia tentazione
Misuro la mia fede, il risveglio del diavolo
Lui sa che tu sei la mia tentazione
Per favore pietà, sono in ginocchio
Tu sei la mia tentazione
Vai via in nome del cielo
Tu sei la mia tentazione
Vai via, vai via
La mia oscura sensazione

Tags: - 92 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .