Better unborn – Amorphis

Better unborn (Meglio non nato) è la traccia che apre il terzo album degli Amorphis, Elegy, pubblicato il 14 maggio del 1996.

Formazione Amorphis (1996)

  • Pasi Koskinen – voce
  • Tomi Koivusaari – chitarra
  • Esa Holopainen – chitarra
  • Olli-Pekka Laine – basso
  • Pekka Kasari – batteria
  • Kim Rantala – tastiere

Traduzione Better unborn – Amorphis

Testo tradotto di Better unborn (Holopainen) degli Amorphis [Relapse Records]

Better unborn

Better it would be for me
And better it would have been
Had I not been born, not grown
Not been brought into the world
Not had to come to this earth
Not been suckled for the world

If I’d died a three-night-old
Been lost in my swaddling hand
I’d have needed but a span of doth
A span more of wood,
But a cubit of goof earth
Two words from the priest
Three verses from the cantor
One clang from the bell

Better it would be for me
And better it would have been
Had I not been born, not grown
Not been brought into the world
Not had to come to this earth
Not been suckled for the world
I’d rather die, I’d rather be better unborn

If I’d died a three-night-old
Been lost in my swaddling hand
I’d have needed but a span of doth
A span more of wood,
But a cubit of goof earth
Two words from the priest
Three verses from the cantor
One clang from the bell

Better it would be for me
And better it would have been
Had I not been born, not grown
Not been brought into the world
Not had to come to this earth
Not been suckled for the world
I’d rather die, I’d rather be better unborn

Meglio non nato

Meglio sarebbe per me
e meglio sarebbe stato
Se non fossi nato, non fossi cresciuto
Non fossi messo al mondo
Non dovevo venire su questa terra
Non essere allattato per il mondo

S’io fossi morta di tre notti,
perduta nella mano che mi fasciava,
poco avrei chiesto: una spanna di lenzuolo,
un poco di più di legno,
niente più che un cubito di terra,
due parole dal prete,
tre versi dal cantastorie,
un rintocco dalla campana.

Meglio sarebbe per me
e meglio sarebbe stato
Se non fossi nato, non fossi cresciuto
Non fossi messo al mondo
Non dovevo venire su questa terra
Non essere allattato per il mondo
Preferirei morire, o meglio se non fossi nato

S’io fossi morta di tre notti,
perduta nella mano che mi fasciava,
poco avrei chiesto: una spanna di lenzuolo,
un poco di più di legno,
niente più che un cubito di terra,
due parole dal prete,
tre versi dal cantastorie,
un rintocco dalla campana.

Meglio sarebbe per me
e meglio sarebbe stato
Se non fossi nato, non fossi cresciuto
Non fossi messo al mondo
Non dovevo venire su questa terra
Non essere allattato per il mondo
Preferirei morire, o meglio se non fossi nato

Tags: - Visto 149 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .