The hand that rocks the cradle – Black Sabbath

The hand that rocks the cradle (La mano che dondola la culla) è la traccia numero otto del diciassettesimo album dei Black Sabbath, Cross Purposes, pubblicato il 31 gennaio del 1994.

Formazione Black Sabbath (1994)

  • Tony Martin – voce
  • Tony Iommi – chitarra
  • Geezer Butler – basso
  • Bobby Rondinelli – batteria
  • Geoff Nicholls – tastiere

Traduzione The hand that rocks the cradle – Black Sabbath

Testo tradotto di The hand that rocks the cradle (Butler, Iommi, Martin) dei Black Sabbath [I.R.S.]

The hand that rocks the cradle

Young life, too young,
who’s eyes are choking,
Can’t rest, can’t sleep,
for dreams that set you falling.
Don’t feel the hunger,
can’t drink no holy water,
No light in these eyes,
no place for dreams at all tonight.

When the hand that rocks the cradle,
is the hand that holds the knife,
And the knife that cuts the cable,
kills the spark that feeds the life.

No grave could be deep enough,
down to hell if we were able,
The veil of life was pushed aside,
by the hand that rocks the cradle.

The oath you take is sacred,
to save not steel a life,
Like the passing of the sweetest soul,
that looked through human eyes.

No grave could be deep enough,
down to hell if we were able,
The veil of life was pushed aside,
by the hand that rocks the cradle.

Young life, too young,
who’s eyes are choking,
Can’t rest, can’t sleep,
for dreams that set you falling.
Don’t feel the hunger,
can’t drink no holy water,
No light in these eyes,
no place for dreams at all tonight.

No grave could be deep enough,
down to hell if we were able,
The veil of life was pushed aside,
by the hand that rocks the cradle.

It’s the hand that rocks the cradle,
is the hand that steels the life.

La mano che dondola la culla

Giovane vita, troppo giovane,
i cui occhi si stanno schiudendo
non puoi riposare, non puoi dormire,
per i sogni che ti fanno precipitare
non senti la fame,
non puoi bere l’acqua santa
nessuna luce in quei occhi,
nessun posto per sogni stanotte

Quando la mano che dondola la culla
è la mano che tiene il coltello
ed il coltello che taglia il cavo,
uccide la scintilla che alimenta la vita

Nessuna tomba può essere abbastanza profonda,
per l’inferno se fossimo stati in grado!
il velo della vita è stato spinto da una parte,
dalla mano che dondola la culla

Il giuramento che hai fatto è sacro,
proteggere non tempra una vita,
come il passaggio dell’anima più dolce,
che guardava attraverso occhi umani

Nessuna tomba può essere abbastanza profonda,
per l’inferno se fossimo stati in grado!
il velo della vita è stato spinto da una parte,
dalla mano che dondola la culla

Giovane vita, troppo giovane,
i cui occhi si stanno schiudendo
non puoi riposare, non puoi dormire,
per i sogni che ti fanno precipitare
non senti la fame,
non puoi bere l’acqua santa
nessuna luce in quei occhi,
nessun posto per sogni stanotte

Nessuna tomba può essere abbastanza profonda,
per l’inferno se fossimo stati in grado!
il velo della vita è stato spinto da una parte,
dalla mano che dondola la culla

È la mano che dondola la culla,
è la mano che tempra la vita

Tags: - Visto 122 volte

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un sito fatto col ♥ per amore del metal e hard rock! I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome. .