Morte et Dabo – Asking Alexandria

Morte et Dabo (La morte ti darò) è la traccia numero dodici del secondo album degli Asking Alexandria, Reckless & Relentless pubblicato il 5 aprile del 2011. Il singolo di Morte et Dabo, il primo estratto dall’album, è stato pubblicato il 15 febbraio del 2011.

Formazione Asking Alexandria (2011)

  • Danny Worsnop – voce, tastiera
  • Ben Bruce – chitarra
  • Cameron Liddell – chitarra
  • Sam Bettley – basso
  • James Cassells – batteria

Traduzione Morte et Dabo – Asking Alexandria

Testo tradotto di Morte et Dabo degli Asking Alexandria [Sumerian]

Morte et Dabo

So he came forth
and said onto me
Son, you are forsaken
Condemned for the sins that you live
I offer you forgiveness

Bow down before me
I will never bow to he
who claims to be divine
I’ll tear down your gates
with my bare fucking hands
And burn the world
that you rule over
No matter how convinced you are,
you’re not a god of mine
You’re not a fucking god of mine

I never believed in you
From what I see
it was justified
I never believed in you,
In you

This power over the masses
is a gift you don’t deserve
When your blood spills,
we’ll drink from your fucking skull
You can run, you can hide

Bitch
I’ll fucking find you
I’ll tear your eyes out
of your self-righteous face
Lord
I’ll fucking find you
I’ll tear your tongue out
of your rancid fucking mouth

Heaven will, burn to the fucking ground
Your world will crumble,
and fall from the skies
Blood will spill,
and rain upon the earth
Your reign is over,
and I’ll wear your crown

This is your demise
I know you feel it in your chest
This is your demise
It’s getting closer
This is your demise
I’m creeping from
the depths of hell
This is your demise
I know where you sleep

I never believed in you
From what I can see
it was justified
I never believed in you,
In you

What a way to end the world
With false hope in a false god
What a way to end the world
With false hope in you.

La morte ti darò

Dunque, è venuto da me e
mi ha detto dritto in faccia,
Figlio mio, sei abbandonato
Condannato per i peccati che vivi
Ti offro il perdono

Inchinati davanti a me
Non mi inchinerò mai davanti
a chi dice di essere divino.
Distruggerò i tuoi cancelli
con le mie stesse mani.
E brucerò il mondo
su cui governi.
Non m’importa quanto tu sia convinto,
non sei il mio dio.
Non sei il mio fottuto dio.

Non ho mai creduto in te
Da quel che vedo e
avevo ragione
Non ho mai creduto in te,
In te.

Questo potere sulle masse
è un dono che non meriti.
Quando il tuo sangue schizza,
berremo dal tuo fottuto teschio.
Puoi scappare, puoi nasconderti.

Puttana
Ti troverò
Ti strapperò gli occhi
da quella faccia moralista.
Signore
Ti troverò
Ti strapperò la lingua
da quella fottuta bocca rancida.

Il paradiso verrà raso al suolo.
Il tuo mondo si sgretolerà,
e cadrà dal cielo.
Sangue schizzerà,
e pioverà sulla terra.
Il tuo regno è finito,
e io indosserò la tua corona.

Questa è la tua fine.
So che la senti, proprio nel tuo petto.
Questa è la tua fine.
Si sta avvicinando.
Questa è la tua fine.
Sto strisciando verso di te,
dalle profondità dell’inferno.
Questa è la tua fine.
So dove dormi.

Non ho mai creduto in te
Da quel che vedo
e avevo ragione
Non ho mai creduto in te,
In te.

Che modo per finire il mondo!
Con una falsa speranza in un falso dio.
Che modo per finire il mondo!
Con falsa speranza in te.

Tags: - 1.184 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .